Provincia, sui premi per la performance 2021 protestano i sindacati

- Economia Lavoro - Comunicato stampa

Scrivono - per FP CGIL, CISL FP, UIL FPL rispettivamente Domenico Raffa, Antonio Forgione, Raffaele Fonzo: Le OO.SS. denunciano l’inaccettabile ritardo con cui si sta procedendo nella predisposizione degli atti necessari per poter procedere al pagamento dei premi correlati alla performance relativa all’anno 2021. E ciò è ancora più grave se si considera la situazione incredibile di vuoti di organico in cui la Provincia di Benevento si è venuta a trovare per le inadempienze/ritardi del Presidente e/o dei dirigenti e che costringe i pochi dipendenti in servizio ad addossarsi un carico di lavoro sicuramente più gravoso per compensare l’assenza di personale.

Il 1° luglio la Provincia ha toccato il punto più basso della sua storia per numero di personale dipendente in servizio. Solo 83 unità di personale. E la situazione potrebbe addirittura peggiorare perché molti altri andranno via a breve, prima della naturale scadenza, proprio a causa delle condizioni in cui sono ormai costretti a lavorare senza che si riesca ad intravvedere una via d’uscita. I concorsi per l’assunzione di n. 16 unità di personale e di un dirigente (banditi nel mese di gennaio 2021 con scadenza 25 febbraio 2021) per i quali erano state fissate finalmente, dopo un gravissimo ritardo, le prove di preselezione, sono state inspiegabilmente rimandate dal presidente ff, perché concomitanti con le procedure di elezione del nuovo presidente.

Sembra che anche le procedure di mobilità per l’assunzione di n. 7 unità di personale, pubblicate di recente per accelerare l’arrivo di nuovo personale (linfa vitale per l’Ente) siano state bloccate per lo stesso motivo. E nel frattempo non si riesce a gestire la massa enorme di finanziamenti che la Provincia ha ottenuto, addirittura si perdono finanziamenti per mancato rispetto di termini e/o perché non si riescono a rendicontare le somme spese con il rischio concreto di revoca degli stessi. Per tutto quanto detto CHIEDIAMO

1. di procedere con l’urgenza del caso al pagamento dei premi correlati alla performance con un apposito pagamento da disporre con immediatezza mediante un cedolino aggiuntivo, o almeno il pagamento di un congruo acconto non inferiore all’80%; 2. di disporre con urgenza la riconvocazione dei candidati alle prove di concorso utilizzando, se possibile, procedure semplificate; 3. di pubblicare ad horas l’elenco dei candidati ammessi/non ammessi alle procedure di mobilità ed espletare, nel corso del mese di luglio, le prove previste dai bandi di concorso. Ogni ritardo non è più ammissibile, pena la impossibilità dell’Ente di far fronte agli innumerevoli adempimenti demandati dalla legge vigente. Si riservano ogni azione a tutela degli interessi dei lavoratori e del territorio provinciale.