Comunali – Altrabenevento attacca Mastella e la stampa che non verifica

- Politica Istituzioni - Comunicato stampa

Scrive Gabriele Corona candidato per "Altra Benevento è possibile" a sostegno del candidato sindaco Altrabenevento: Il sindaco di Benevento, Clemente Mastella annuncia quotidianamente con appositi comunicati stampa, le gesta meravigliose della sua amministrazione che gli organi di informazione in genere pubblicano con grande risalto senza mai effettuare verifiche o approfondimenti. Ieri, ad esempio, il noto uomo politico conosciuto in tutta Italia per le sue boutade, ha comunicato con grande enfasi di aver ormai risolto il problema della incompiuta davanti al Duomo ma in realtà è la stessa notizia già data almeno tre volte da novembre ad oggi senza alcun chiarimento rispetto alle perplessità o contestazioni arrivate da più parti.

Scrive il sindaco che in cinque anni ha tolto lamiere e cartelli abusivi (nientedimeno) e poi "siamo passati oltre, intercettando un finanziamento di 797mila per la riqualificazione dell’intera area, eliminando il vecchio mamozio". Sa bene, il sindaco che buona parte dei cittadini non ha mai sopportato la cementificazione dell'area davanti alla Cattedrale e quindi fa intendere che l'edificio sarà eliminato, cioè abbattuto, per fare spazio a un’area mercato di 860mq, con bar, stand per la promozione di prodotti enogastronomici, laboratori di teatro, e un terrazzo panoramico con vista sulla Cattedrale.

In realtà il progetto presentato al ministero non prevede affatto l'abbattimento del mamozio ma solo la diversa distribuzione degli ambienti interni per la spesa di 7 milioni e 960 mila euro. Il finanziamento pubblico di circa 800 mila euro per la progettazione è stato concesso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri perché il Comune ha dichiarato che c'è già un Project Financing, cioè la partecipazione finanziaria di un privato (naturalmente non beneventano) che vuole gestire tutta la struttura, compreso il ristorante con vista panoramica sulla Cattedrale, per almeno 30 anni.

Chi è il privato che vuole gestire il centro della città, bene pubblico per eccellenza? Nella domanda di finanziamento del 25 novembre 2020 che le testate giornalistiche potrebbero chiedere al sindaco, si legge: "L'idea di sviluppare il progetto di un ‘area di mercato" con spazi al coperto ed una piazza esterna muove dal coinvolgimento di un operatore del settore che ha già realizzato e sta gestendo con grande successo strutture simili in altre città italiane".

Chi è il mecenate? Quali strutture simili gestisce? Con quali atti del Comune di Benevento è stato individuato? Con quale quota di finanziamento partecipa? è rispettata la proporzione 51% di finanziamento privato e 49% di fondi pubblici? Gli operatori dell'informazione con ritengono che bisognerebbe dare ai cittadini anche notizie di questo tipo? Sicuramente quei pochi giornalisti d'inchiesta che pure ci sono, riusciranno a svelare il mistero.

Sarebbe poi il caso di ricordare che in realtà Mastella non ha risolto alcun problema di piazza Duomo. L'opera pubblica è incompleta, sorge su suoli privati mai ceduti all'Ente Pubblico, confina con lo scheletro di un edificio di un consorzio che è in lite giudiziaria con il Comune e con il condominio adiacente.

A questo marasma si aggiunge il misterioso imprenditore privato al quale Mastella ha promesso di occupare e gestire il cuore del centro antico come se fosse di sua proprietà. Questo project financing non si realizzerà mai, come quello dell’ex Campo La Salle-piazza Risorgimento bloccato per la netta opposizione di Altrabenevento e del comitato dei cittadini.