Comitato “Giù le Mani dai Pini”: Il Comune continua a prendere in giro tutti

- Politica Istituzioni - Comunicato stampa

Scrivono Francesco Di Donato e Luca Coletta, del Comitato 'Giù le mani dai pini' del viale degli Atlantici di Benevento: Il Comune continua a prendere in giro tutti. Prima la strombazzata presentazione - in assenza di contraddittorio - delle sole slide. Poi spunta quella che vorrebbero far passare per relazione tecnica, ma altro non è se non una semplice relazione illustrativa, che ribadisce le slide. Peccato manchi ciò che rende una relazione tecnica tale e cioè gli allegati tecnici con gli esiti delle analisi strumentali. Dove sono? Senza le schede tecniche albero per albero si può dire tutto e il contrario di tutto, anche che 24 pini sono da abbattere quando magari non lo sono. Per quanto, anche dalla lettura della relazione illustrativa si ricavano perle, perché è evidente che il consulente del Comune con la creazione della categoria C/D* ha voluto predisporre una pezza d’appoggio per il suo committente, arrivando però - pur di fornire tale pezza d’appoggio - a contraddire il mandato ricevuto. Ad esempio quando scrive riguardo i 38 pini rientranti nella categoria C/D*, che per essi “è possibile il ripristino delle condizioni di sicurezza ma non il recupero estetico e funzionale”.

Quindi, fateci capire, la verifica è stata fatta per la stabilità o per l’estetica? Ah già, è il solito gioco delle 3 carte, se la sicurezza è garantita, si passa ad altro, l’estetica, la funzionalità (?), i marciapiedi, le radici e così via all’infinito. Forse se per quei 38 pini sono ripristinabili le condizioni di sicurezza semplicemente andrebbero inseriti in categoria C/D senza fantomatici asterischi. A ogni buon conto, visto che amministratori, dirigenti e tecnico non lo sanno, è il regolamento del verde del Comune di Benevento a prescrivere che un albero possa essere abbattuto solo quando non ci siano alternative. Nel momento in cui per 38 alberi è possibile - stando a quel che dice il consulente stesso - “il ripristino delle condizioni di sicurezza”, non c’è altro da dire, questi alberi non possono essere abbattuti.

Infine per quanto riguarda la dichiarazione rilasciata al Mattino dall’assessore Giorgione, secondo il quale il comitato non si sarebbe fatto sentire con lui per partecipare alle analisi strumentali, possiamo dire - noi sì, con tanto di documentazione - che il comitato ha inoltrato formali e specifiche istanze di partecipazione sia a giugno sia a settembre, regolarmente protocollate dal settore Urbanistica del Comune di Benevento, nonché variamente pubblicate su tutti i giornali, compreso il Mattino. Non essendo a conoscenza degli usi e consuetudini che impongono di ricorrere informalmente e direttamente all’assessore di turno, ci siamo attenuti - nostra maxima culpa - solo a quanto prescritto dalla legge. Quindi, o l’assessore c’è rimasto male perché non ci siamo rivolti fiduciosi a lui, ma abbiamo preferito un’arida pec, o mente scientemente oppure non ha esattamente il polso della situazione.