Mensa, Altrabenevento chiede a Pepe un urgente confronto pubblico

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Fausto Pepe
Fausto Pepe

"Le proponiamo un confronto pubblico con la partecipazione della Ristorò e dei genitori, dei lavoratori e dei giornalisti. E magari dei consiglieri comunali rimasti finora ancora più silenziosi ed imbarazzati di lei": così Gabriele Corona nella lettera aperta inviata al sindaco di Benevento, Fausto Pepe, sulla nota vicenda della gestione del servizio di mensa scolastica in città (leggi in merito il dovizioso articolo odierno del Vaglio.it).

Nella lettera il presidente di Altrabenevento ripete le critiche avanzate su quelle che lui ritiene "gravi anomalie ed irregolarità non smentite e non contestabili che hanno dimostrato quanto sia distratto e carente il sistema di controllo del Comune e della ASL".

Per Corona, la società che ha vinto la gara e gestisce il servizio, "la Ristorò, ha lanciato inutilmente la campagna 'è tutto a posto lo dicono anche il Comune e la ASL' perché non è riuscita a smentire in modo convincente" le questioni sollevate da Corona. Il presidente di Altrabenevento tali questioni rammenta e precisa nuovamente anche in relazione alle conseguenze prodottesi nei rapporti tra la società e alcuni dipendenti: sostiene Corona che una di loro è stata sospesa dal servizio e un'altra licenziata e aggiunge che "altre due signore della mensa hanno ricevuto provvedimenti disciplinari, una addirittura perché ha messo 'Mi piace' ad un post su Facebook di Altrabenevento".

"Può fare cose del genere - continua Corona - una ditta che gestisce un servizio pubblico del Comune che lei amministra?". "Addirittura due giorni fa - conclude Corona - l'avvocato socio al 50% della Ristorò ha inviato una diffida ai giornalisti ed editori di diversi giornali per pretendere la immediata cancellazione di tutti i comunicati sulla questione mensa di Altrabenevento e del sindacato CUB, minacciando di fare oscurare i siti internet disobbedienti. In pochi si sono fatti impensierire (ma una parte volontariamente già censurava i nostri comunicati) mentre altri hanno continuato a garantire libertà di informazione. Anche questo le sembra cosa da poco? Vuole continuare a fare il distratto?

Sindaco, non ci sono in ballo solo gli interessi dell'azienda, ci sono anche le 1.700 famiglie - potenziali utenti del servizio... mensa, le 60 famiglie di lavoratori e le famiglie degli insegnanti coinvolti nelle continue discussioni. Le proponiamo un confronto pubblico con la partecipazione della Ristorò e dei genitori, dei lavoratori e dei giornalisti. E magari dei consiglieri comunali rimasti finora ancora più silenziosi ed imbarazzati di lei".