Elezioni Politiche 2022 - Circoscrizioni e Collegi della provincia di Benevento – Note e comunicati odierni di liste e candidati

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

L'appello al voto di Sabrina Ricciardi (M5S) - 'Più che votare me io chiedo un voto per quello che rappresento, ovvero tutte quelle persone che sono stufe di un certo modo di fare politica, che credono ancora che questo Paese possa cambiare, che desiderano un futuro diverso e un sistema basato sul merito, che esalti le professionalità, che sia in grado di autofinanziarsi con l'economia circolare, che abbia a cuore i meno abbienti e preservi il diritto alla salute, alle cure, allo studio. Un Paese dove l'acqua continui ad essere un bene pubblico, dove gli imprenditori onesti avanzano e i furbetti regrediscono, dove la digitalizzazione disintegri la burocrazia, dove tutti possano godere di un salario minimo e dei vantaggi di un Superbonus così come era stato concepito. Chi condivide con me questo mio sogno non può votare gli altri. Se eletta la priorità assolute sarà il benessere della persone, che si può raggiungere solo attraverso una radicale inversione di tendenza'. Così in uana nota stampa la Sen. Sabrina Ricciardi, Candidata alla Camera dei Deputati nel Collegio Uninominale Campania 2 - U03

L'appello di Francesca Mite, Candidata al Senato nel Collegio Uninominale U02 Benevento (Avellino) con Azione e Italia Viva per la chiusura della campagna elettorale - Sono stati giorni intensi, frenetici, in cui ho macinato tanti chilometri e ho avuto l’opportunità di incontrare tante persone, conoscere le loro storie, i loro sguardi, i loro sogni, le loro speranze. Ho incontrato, purtroppo, anche tante paure. Paure dettate dall’incertezza di questo tempo, di questo periodo di profonda incertezza che sta mettendo a dura prova tutte e tutti noi. Ne parlo proprio oggi, in conclusione di questo viaggio, perché le paure incontrate non sono altro che le stesse identiche paure che mi hanno spinto a scendere in campo per l’interesse comune. Le nostre paure vanno governate, se prendono il sopravvento finiscono per renderci inermi. Tutte e tutti il 25 settembre abbiamo l’occasione di governare le nostre paure esercitando un diritto e, di conseguenza, riponendo fiducia in ciò che ci rassicura. Abbiamo le risorse del PNRR da spendere, risposte concrete da dare ad imprese e cittadini, crisi economica da governare ed inflazione da frenare. Per farlo ci vuole una buona dose di coraggio. Ho scelto di stare con il Terzo Polo, pensando a mio figlio, al suo primo voto e alle paure che ho per il suo futuro. Non esiste voto utile se non ci sono soluzioni utili. In questa campagna elettorale vi ho raccontato che con noi, un Paese efficiente, veloce, sburocratizzato è concreto. Ora tocca a voi!

L’appello al voto di Antonella Pepe: “O noi e il Sud o le destre” - Di seguito l’appello al voto di Antonella Pepe, candidata alla Camera dei Deputati per la coalizione dei ‘Democratici e Progressisti’ nel collegio uninominale di Benevento “Ho voluto chiudere la mia campagna elettorale ad Apice, dove tutto è cominciato, tra i volti e tra le strade che hanno visto nascere, crescere e consolidarsi la mia passione per la politica. Un ritorno a casa dopo un viaggio lungo un mese. Settimane intense, bellissime. Sono stata ovunque mi è stato chiesto di essere. E farò tesoro dei consigli che ho ricevuto, delle proposte che ho raccolto. Non dimenticherò né le speranze né le paure incontrate in questo percorso. Per come mi avete accolto, per l’affetto dimostratomi, ringrazio tutti. Ho fatto il possibile per trasmettervi le ragioni di un impegno che va oltre la mia persona perché racconta la voglia di riscatto di una generazione, di una comunità, di un territorio. Le parole d’ordine le conoscete: ambiente, istruzione, lavoro, sanità, Sud. Conoscete anche le nostre proposte. E penso anche sia chiara, ormai, l’importanza della posta in palio. Soprattutto qui. Nel Meridione, nel Sannio. Come mai era successo prima, in questa campagna elettorale si è infatti palesata con chiarezza e nettezza la diversità tra noi e gli altri, tra chi vuole unire e chi vuole dividere, tra chi crede che la nostra terra necessiti di trasformazioni profonde e radicali e chi crede nella conservazione e nella difesa dello status quo, tra chi rivendica il diritto a restare e chi spalanca le porte alla rassegnazione e a nuove diseguaglianze. Adesso, però, è tutto nelle vostre mani. Il voto di domenica deciderà dove vogliamo vivere nei prossimi trent’anni. L’entusiasmo che ho visto crescere ora dopo ora, piazza dopo piazza, comizio dopo comizio, mi dice che ce la faremo. Non sarà un passato che non vuole passare a decidere il nostro futuro”.

Elezioni. Ianaro (Pd): le parole di Berlusconi fanno rabbrividire - “Le parole pronunciate da Berlusconi su Putin, l’Ucraina e ‘le persone perbene’ fanno rabbrividire, così come fanno rabbrividire certi commenti di Fdi sulle coppie Lgtb+. Davvero vogliamo consegnare il Paese a questa destra, la peggiore di sempre, che ci sottrarrà diritti e ci porterà all’isolamento europeo e internazionale facendoci vergognare a giorni alterni?”. Lo scrive, sui suoi canali social, Angela Ianaro, deputata uscente del Pd e candidata democratica nel collegio plurinominale Campania 2.

Dell'Aquila (Verdi Sinistra): Un voto per dare nuove energie all'Italia - "Domenica 25 settembre si vota dopo mesi e sforzi intensi in cui abbiamo incontrato tantissime persone in ogni angolo di due province. In questa campagna elettorale abbiamo dato fondo a tutte le nostre energie per ascoltare gli elettori, raccogliere le loro istanze e raccontare loro le nostre proposte. Abbiamo portato casa per casa il nostro programma, punti cardine della politica in cui crediamo da sempre, pilastri solidi su cui abbiamo basato la nostra proposta per un Paese più giusto, più uguale, più libero: lotta alle discriminazioni e allo sfruttamento, equilibrio climatico e sostenibilità, investimento su energie rinnovabili, redistribuzione del reddito, giustizia sociale, accoglienza, accesso alla salute e all’istruzione uguale per tutti, libero e gratuito. Sui temi che costituiscono la vera proposta di Sinistra per un Paese che rischia di fare passi indietro sulla strada dei diritti, abbiamo attivato quelle nuove energie che si oppongono all’avanzare della destra. L’Alleanza Verdi-Sinistra ha piantato i semi per il progresso di un Paese che non può e non deve regredire. Il voto di domenica 25 settembre per l’Alleanza Verdi-Sinistra è un voto che darà nuove energie all’Italia del lavoro, verde, giusta, sociale e libera". E' quanto scrive Antonio Dell'Aquila, candidato capolista di Alleanza Verdi Sinistra alla Camera dei deputati per le province di Caserta e Benevento.

Domenico Matera (FDI): "A Roma per dare voce e forza al territorio" - "E' la fine di una lunga, emozionante corsa. Ma è anche l'inizio di un nuovo, meraviglioso viaggio". Così Domenico Matera candidato per Fratelli d’Italia al Senato della Repubblica – listino proporzionale Collegio Campania 2 che racchiude le province di Avellino, Benevento, Caserta e Salerno. "Andrò a Roma senza giocare ai compromessi, andrò a Roma per dare forza vera ai nostri territori. L'obiettivo è unico: lavorare per far si che quanti vivono nell'entroterra della Campania possano godere di servizi efficienti al pari di quanti vivono altrove. Una degna assistenza sanitaria, trasporti e infrastrutture efficienti per i nostri pendolari e per le nostre aziende, una maggiore sicurezza per le nostre famiglie. Ma una parola particolare la voglio spendere, oggi, per i nostri giovani: ancora troppi di loro sono costretti ad andare via per cercare una possibilità per costruire il loro futuro. Le politiche per il Sud, in particolare, dovranno creare le condizioni affinchè i nostri ragazzi possano restare nei propri territori e non siano costretti a emigrare in cerca di possibilità. Bisogna creare le condizioni di sviluppo - prosegue - che consentano alle nuove generazioni di realizzarsi in casa loro. Per fare questo, non dobbiamo immaginare scenari remoti ma, molto semplicemente, guardarci attorno. L'entroterra irpino-sannita è ricco di peculiarità ed eccellenze paesaggistiche, enogastronomiche, storico-culturali. Si deve creare un discorso che possa trasformare queste potenzialità in crescita vera. E crescita vuol dire occupazione, lavoro. Ci vorranno misure dedicate, vere, organizzate. Ci dovrà essere, dall'altro lato, la capacità di saperla sfruttare, intercettare. E' giunto il momento che il Sannio-Irpinia si riscatti e prenda coscienza dell'irripetibilità e della varietà delle sue eccellenze. E lo deve fare, in primis, per i suoi figli. Perchè andare altrove per realizzare il proprio domani sia una libera scelta e non un obbligo". La galoppata stasera arriva al termine con un tris di appuntamenti che già si anticipa essere da tutto esaurito. Prima Montesarchio (ore 18:30, Sirius Club con i saluti del Coordinatore cittadino Pietrantonio Mauriello); poi Sant'Agata de' Goti (20:30, piazza Trieste - interverranno anche il Coordinatore locale Michele Iannotta ed il già consigliere regionale Mario Ascierto Della Ratta). prima del gran finale a Bucciano (ore 22 via Roma).

Bepy Izzo (Terzo Polo) : “Col sostegno di tutti giochiamoci questa partita” - Appello al voto di Bepy Izzo, candidato del Terzo Polo (Italia Viva - Azione) al Senato della Repubblica: “Ho accettato la candidatura, peraltro in una posizione prestigiosissima come la numero 2 nel listino al Senato, perché sono stato sempre convinto, sin dall’inizio, che giocarsi questa partita sia doveroso. E credere nel progetto del Terzo Polo lo sia ancora di più. Il Terzo Polo rappresenta la vera novità del panorama politico nazionale, una forza che in pochissimo tempo è stata capace di aggregare le forze moderate , riformiste e garantiste del paese. Sappiamo benissimo che a queste elezioni anticipate siamo giunti per via di decisioni assunte da alcuni Partiti che, più che al bene della Nazione, hanno pensato al proprio tornaconto personale. Ora bisogna evitare che forze sovraniste e populiste, le vere artefici di questo voto anticipato che gli italiani di certo non volevano, prendano il sopravvento nella prossima legislatura. Questo è il senso del voto utile che, in questi giorni insieme ai leader Renzi e Calenda, stiamo chiedendo. Un voto moderato, al centro, in grado di arginare le spinte conservatrici e anti europeiste. Dal punto di vista personale, mi impegnerò a far valere le istanze del territorio sui tavoli nazionali, contribuire con una voce in più a migliorare le sorti delle nostre comunità. E’ una partita che col sostegno di tutti voi possiamo giocarci fino alla fine”.

Maria Pallini (Impegno Civico): la coalizine progressista è l'unica forza rassicurante - “In una campagna elettorale, per certi versi paradossale, risulta evidente che l’unica forza politica in grado di traghettare il Paese verso una condizione più rassicurante è la coalizione progressista, di cui facciamo parte-così Maria Pallini candidata alla Camera dei Deputati per Impegno Civico nei collegi plurinominali Campania 2-P02, Campania 2-P01 e Campania 1-P02. “La nostra è l’unica forza politica che può evitare che il trio sfascia-conti Salvini-Meloni-Berlusconi porti il nostro Paese all’isolamento internazionale viste le amicizie discutibili che coltiva. Per non parlare delle posizioni alquanto ambigue sulle sanzioni alla Russia di Putin e sull’invio di armi all’Ucraina. Nelle ultime settimane, peraltro, abbiamo assistito a continui e indegni attacchi al Reddito di Cittadinanza come se fosse il male assoluto da combattere. Ribadiamo senza incertezze che una volta al governo, Impegno Civico, assieme agli altri partiti della coalizione progressista, difenderà questa misura e la migliorerà-continua. “Mi preme sottolineare, altresì, che il voto dato a Conte e alla coppia Calenda-Renzi significa votare Meloni in quanto non hanno la forza di battere la destra per cui sono destinati all’opposizione. L’esperienza maturata in questi anni, tra le altre cose, mi ha fatto comprendere che all’opposizione non puoi fare un bel nulla. Il Reddito di Cittadinanza, ad esempio, l’abbiamo realizzato al Governo e il protagonista di quella fase si chiama Luigi Di Maio e non Conte”. “Se gli italiani ci accorderanno la fiducia, Impegno Civico ha già la ricetta pronta per uscire da questa grave crisi energetica. Prima di tutto un decreto Taglia Bollette con il quale lo Stato si impegna a pagare fino a dicembre l’80% delle bollette di imprese e famiglie il cui costo si aggira intorno ai 13 miliardi di euro già individuati nei maggiori introiti causati dall’inflazione. In secondo luogo serve un tetto massimo al prezzo del gas in UE ed infine occorre azzerare l’Iva su tutti i beni alimentari, della natalità e farmaceutici. Il nostro programma elettorale, peraltro, molto apprezzato dagli analisti di Economia Italia, prevede altri punti basati sulla concretezza e serietà. Misure per i giovani che vogliono comprare casa attraverso il mutuo Zac con quale lo Stato mette a disposizione un fondo grazie al quale si versa alla banca l’anticipo, che l’acquirente restituirà poi a rate e senza interessi , misure per autonomi e partite Iva rendendo strutturale l’Iscro ed eliminando il saldo e acconto. L’esperienza di governo di questi anni ci ha reso concreti e allo stesso tempo seri nel dire le cose che si possono fare e quelle che non si possono fare perché c’è da salvaguardare l’equilibrio dei conti statali. Promettere cose irrealizzabili come stanno facendo gli altri partiti significa non volere bene al nostro Paese ed è per questo che chiediamo il voto a testa alta e con la certezza di riuscire a portare l’Italia in acque più tranquille".

Maglione (Impegno Civico): «Campo da golf? Promessa alla Cetto La Qualunque» - «Per quest’ultima giornata di campagna elettorale, vorrei fare un appello alla serietà. Il prossimo governo dovrà affrontare sfide molto serie, come l’aumento del prezzo del gas che ha ricadute sulle nostre bollette, l’applicazione del PNRR che per i nostri piccoli comuni vuol dire opportunità di sviluppo, investimenti sul lavoro e sul futuro dei giovani che se realizzati, potranno consentire al Sannio di arrestare quel trend di spopolamento che sembra ineluttabile. A fronte di urgenze così incombenti, però, bisogna ancora una volta stigmatizzare l’atteggiamento di alcuni candidati che continuano ad attribuirsi ruoli nel futuro governo, senza nemmeno essere stati ancora eletti, e le promesse da circo di taluni altri. Leggo del campo da golf più grande del Mezzogiorno. Una promessa alla ‘Cetto La Qualunque’ che il sindaco di Benevento vuole far passare per un progetto avveniristico. Occorre un pò di serietà. La campagna elettorale che si conclude oggi è stata per molti aspetti anomala, ma è doveroso da parte dei candidati e di chi già ricopre un ruolo istituzionale preservare la dignità delle istituzioni, mostrare rispetto e cercare di dimostrare di essere dei potenziali rappresentanti del territorio seri e affidabili. Invito allo stesso tempo i cittadini ad andare a votare domenica, e di votare con consapevolezza. Il nostro futuro dipende dalle scelte che facciamo oggi. Non sottovalutiamone la portata», così in una nota Pasquale Maglione, deputato e candidato alla Camera per Impegno Civico.

Chiusura della campagna elettorale al Circolo PD di Reino - Ieri sera, 22 settembre 2022, al circolo del Partito Democratico ‘Robert Kennedy’ di Reino (BN), si è tenuto un incontro elettorale di chiusura della campagna elettorale. Ha presieduto la riunione il sindaco di Reino Antonio Calzone, insieme alla segretaria del circolo Dalila Calzone, ed è intervenuto il segretario provinciale dem Giovanni Cacciano. Erano presenti anche i segretari dei paesi limitrofi Fragneto Monforte, Colle Sannita e Circello. “Mancano solo tre giorni alle elezioni e siamo giunti al termine di una campagna breve, atipica, difficile, che è cominciata in una situazione storica molto delicata – ha dichiarato il sindaco Calzone – e terminata in un quadro internazionale ancora più instabile. Chi sarà eletto dovrà affrontare subito le enormi difficoltà economiche delle famiglie e delle imprese e avrà il difficile compito di rappresentare il nostro Paese in un’Europa che fronteggia una guerra interna ai propri confini: serviranno competenza, forza, visione, lungimiranza. Una volta nella cabina elettorale sarà importante per ognuno ponderare bene le conseguenze di una scelta dalla portata così importante e determinante per il futuro dell’Italia e dell’intero assetto internazionale.” Queste, invece, le parole del segretario provinciale Giovanni Cacciano: “Domenica prossima la scelta è chiara. Da una parte le Destre con le loro idee di un’Italia nostalgica e securitaria che guarda Orban e Putin, dall’altra il Partito Democratico che si batte per il lavoro dignitoso, la solidarietà nazionale ed europea ed i diritti sociali ed individuali”.