Mastella inciampa pure nella “Paupasia” mentre polemizza con l’opposizione che censura la sua attività amministrativa

- Opinioni IlVaglio.it

Gli amanti del politicamente corretto avrebbero dovuto andarci a nozze con la (mica tanto) velata battuta sul tribalismo istituzionale. Il Mastella simil-furioso che replica al consigliere comunale Miceli (leggi su IlVaglio.it) s'avventura all'altro capo del mondo nelle similitudini, e magari si salva in corner per un refuso di cui non è data sapere l'origine: se la mancata conoscenza geografica o la fretta nello stendere la polemica nota.
Nel dubbio l'ambasciata del paese 'oceanico' per ora tace (e pure Sua Maestà...).

Certo, la citazione “Paupasia” a cura del sindaco di Benevento ha focalizzato maggiori attenzioni spingendo all'uso del correttore, e per fortuna alcuni titoli mediatici hanno sistemato la geografia (Papuasia). Ma hanno omesso di ricordare la politica, che il verbo mastelliano a ruota libera ha ritenuto essere ricalcata da quella dell'opposizione beneventana, per la quale egli nutre un’evidente disistima (eufemismo). Disistima che si manifesta innanzitutto nel non riconoscere l'avversario, politicamente e di fatto (“...In modo davvero ridicolo un esponente della opposizione...”: chi?), traslando una mitica lezione del marchese del Grillo.

Infine: la Papuasia, soccorre Wikipedia, comprendeva la metà sudorientale dell'isola di Nuova Guinea che corrisponde a una parte dell’odierna Papua Nuova Guinea. La nazione (indipendente dal 1975) è una monarchia parlamentare e fa parte del Commonwealth. Il Capo dello stato è il sovrano del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, la regina Elisabetta II.

Ah... è piuttosto improbabile che Mastella intendesse riferirsi nello specifico alla tribù dei Korowai, che alcuni studiosi ritengono essere gli ultimi cannibali al mondo: del sindaco avrebbero fatto un bel boccone.
Questi oppositori locali, invece, si ostinano – semplicemente – a metterne in luce le opacità di governo, sempre meno di quanto non faccia egli stesso licenziando certe ineffabili note stampa. Cinto però, oggi, di seta tricolore fashion e costosa.