Nell'insicuro, indifeso, e vilipeso centro storico di Benevento ora imperversano anche i funamboli

- Cronaca IlVaglio.it
Foto di repertorio di Via Erik Mutarelli
Foto di repertorio di Via Erik Mutarelli

Se non ci fosse, il centro storico di Benevento bisognerebbe inventarlo. Grazie alla sua collocazione urbana è talora anche al 'centro' delle attenzioni della cronaca. Nel fine settimana alle spalle, per esempio, si può partire da quella spicciola – di cronaca -, quasi curiosa, con la citazione obbligata dei funamboli dei tetti, “novelli scalatori” che si muoverebbero con agilità fra via Mutarelli e via Manciotti, servendosi magari di “ingressi di fortuna, passando attraverso immobili disabitati e non posti in sicurezza”.

E si può arrivare a quella nera, che comunque ogni tanto dà appuntamento fra vicoli e piazze, grazie ad un accoltellamento dai risvolti ancora oscuri, pur se il suo colore è chiaro, anzi nella generale vulgata mediatica: “giallo”.

Ecco, il centro storico è amico delle redazioni, foriero sempre di notizie, è serbatoio inestimabile di spunti che facciano convergere su di esso il fascio di luce dell'attenzione giornalistica. Ed è l'occasione ricorrente:

per tornare ad instaurare il dibattito politico nella varietà di toni che gli interlocutori scelgono di usare;
per rinfocolare la polemica fra abbandono e menefreghismo;
e, infine – forse soprattutto – perché torni al 'centro' dell'interesse dell'ordine e della sicurezza pubblica attraverso riunione di apposito Comitato. Che, in quest'ennesimo giorno della marmotta, favorirà a sua volta l'intensificarsi dei controlli...