Giallorossi double face, prima sciupano la vittoria, poi in extremis la riconquistano: Vicenza – Benevento 2-3

- Sport IlVaglio.it
Federico Barba
Federico Barba

Per tre quarti di gara il Benevento controlla e comanda la gara in quel di Vicenza, portandosi a due gol di vantaggio. Al punto che pecca di presunzione e all’88° viene raggiunto sul pari. Con orgoglio però si va a riprendere la vittoria, sull’ultimo corner, con una splendida incornata di Barba: 2-3. Davvero sarebbe stato imperdonabile lo sciupio tentato dai sanniti di una gara ben giocata, contro un avversario, va detto, modesto e in formazione rimaneggiata. La fortuna però ha dato un’ultima chance e quella dau sanniti è stata colta.

Per cui se da un lato va immediatamente censurato l’atteggiamento rilassato dell’ultimo quarto d’ora sul quale, dopo i troppi precedenti autolesionistici di questo campionato, ancora Caserta deve lavorare, dall’altro lato va anche detto che la squadra, dopo la prova di sabato contro la Reggina, ha confermato il netto miglioramento. Merito di due giocatori soprattutto Viviani ed Elia, oltre a Letizia per il solo tempo che è rimasto in campo.

Seconda vittoria consecutiva e quarto posto in classifica per i giallorossi a 4 punti dalla vetta, in attesa di Parma-Brescia. Benevento di nuovo in campo sabato alle 14, al ‘Ciro Vigorito’, contro il Pordenone.

La cronaca essenziale
15°: bella azione del duo Insigne-Lapadula che servono Viviani, assist per l’accorrente Acampora che tira dal limite: in tuffo respinge Grandi.
17°: Barba da centrocampo serve in area Lapadula, il peruviano di testa passa a Insigne che da ottima posizione tira piano e tra le braccia del portiere veneto.
20°: rilancio di Grandi, spizzata di Diaw a centrocampo per Zonta che parte, solo, verso Paleari, entra in area e tira: Paleari para in due tempi.
21°: Diaw dai 25metri calcia, Paleari blocca a terra.
23°: servito in area in ottima posizione, Diaw spreca ciccando quasi il pallone e regalandolo a Paleari.
28°: Elia dalla fascia serve Insigne che si porta ai 20 metri e scaglia uno splendido sinistro nel sette: 0-1.
36°: Acampora perde goffamente palla con Dalmonte al limite dell’area, calcio di punizione: il tiro di Giacomelli è respinto in angolo dalla barriera.
41°: cross di Giacomelli dal fondo, Buscagnin solo di testa da ottima posizione manda alto.
56°: lungo lancio di Masciangelo per Improta in area contrastato da Brosco, si inserisce Lapadula e Brosco lo stende, calcio di rigore: Lapadula spiazza il portiere e sigla lo 0-2. Poi fa un piccolo gesto di esultanza verso la curva veneta che gli aveva urlato “la qualunque”. Gazzarra dei vicentini e l’arbitro ammonisce sia Lapadula sia uno tra i più esagitati in maglia biancorossa: Giacomelli.
65°: Acampora conquista palla, scambia con Lapadula e da dentro l’area scaglia un bolide che finisce fuori.
68°: serpentina di Giacomelli che, dribblando un po’ di beneventani, entra in area e tira, si frappone la schiena di Vogliacco e palla in corner.
69°: Viviani serve Insigne in area, prima controlla male poi riesce a tirare forte, ma il suo tiro è deviato in angolo da Padella.
77°: Crecco scambia sulla sinistra con Giacomelli che gli ridà il pallone in area, la difesa del Benevento se lo perde e il subentrato segna il gol dell’1-2.
88°: Dalla linea del fallo laterale, il cross del lontanissimo Giacomelli pesca il dimenticato Dalmonte che di testa non ha alcuna difficoltà a battere Palerai, dall’area del portiere: 2-2.
94°: Lapadula spreca calciando da pochi metri su un difensore che devia in corner, sullo sviluppo di questo, calciato dall’appena entrato Calò, Barba salta più in alto di tutti e spedisce la palla nel sacco: 2-3.

IL TABELLINO

Vicenza:
Grandi, Bruscagnin (74°, Alessio), Brosco, Padella, Calderoni (74°, Crecco), Pontisso (86°, Rigoni), Ranocchia, Zonta (46°, Di Pardo), Proia, Dalmonte, Diaw (35° Giacomelli). A disposizione: Confente, Pizzignacco, Ierardi, Paoloni, Sandon, Taugourdeau. Allenatore: Cristian Brocchi.

Benevento: Paleari, Elia (92°, Di Serio), Vogliacco, Barba, Letizia (46°, Masciangelo), Acampora (72°, Tello), Viviani (92°, Calò), Ionita, Insigne (72°, Sau), Lapadula, Improta. A disposizione: Manfredini, Pastina, Basit, Talia, Vokic, Moncini, Brignola. Allenatore: Fabio Caserta.
Arbitro: Paolo Valeri di Roma.
Ammoniti: Vogliacco, Lapadula, Rigoni, Giacomelli, Proia.