La generazione perduta dei cinquantenni. E un "grazie" a Zerocalcare, la parola più giusta

- Opinioni IlVaglio.it

Seguendo le tracce dell'ultimo viaggio dell'Argonauta attraverso l'esperienza confortante della lettura dei suoi Diari (leggi su Il Vaglio.it) si distillano lacrime di nostalgia e disillusione per la generazione perduta dei cinquantenni, la cui schiuma oggi scorrazza – come cita Anteo/Giasone (sia permessa la familiarità data la malia dello scritto) - rincoglionendosi di cattive vibrazioni e con lo smartphone come orecchino.

Insomma, oggi (ed è vero) vive scorreggiando e pensa sia Drakkar Noir, incurante dei fermenti persi nel Sessantotto e nelle incazzature del Settantasette. Che pure hanno avuto il loro Grande Freddo e l'Omicidio Moro – per dire del disincanto a tutte le età.

Qualche argine ha retto, però: è bastato sedersi sulla sponda di un fiume (The River) o sotto un albero (The Joshua Tree). Abbandonarsi al racconto (C'era una volta in America). Scoprire il valore sovversivo e gioioso e liberatorio del ridere conficcato come una spina nel gambo di una società oscurantista (Il nome della rosa).

Certo, è tremendamente oggettivo che le nuove generazioni – sono il futuro – faranno piazza pulita, ma non già perché esenti da colpe o limiti e non perché non abbiano pure nostalgie. Che anche loro bilanciano con cantori in grado di decifrare l'illusione di una realtà debole e però cercare, perseguire con forza la speranza.

E allora che viaggio, Giasone, è stato in questi giorni ritrovarsi accomunati (giovani di allora e d'oggi) ritornando al futuro - i giovani d'allora - a ricucire lo strappo emotivo lungo i bordi.

E chissà che non accada, un giorno, che dall'altra parte del marciapiede, nella folla, si scorga l'esile figura e s'incroci con lo sguardo il volto dell'artista. E che i suoi occhi attenti riescano a decifrare il tuo sommesso labiale quando sussurra 'bravo' a Michele Rech e, soprattutto, 'grazie' a Zerocalcare. La parola più giusta.
***
Ogni storia normale è anche un po' speciale, in fondo.