Il Benevento in 10 uomini per quasi tutta la gara pareggia a Como: 1-1

- Opinioni IlVaglio.it
L'allenatore del Benevento Fabio Caserta
L'allenatore del Benevento Fabio Caserta

Il Benevento torna imbattuto dalla trasferta di Como e può essere più che soddisfatto. Ha giocato infatti più di settanta minuti in dieci uomini per l'espulsione di Glik per fallo su Cerri. L'esperto polacco, da ultimo uomo della difesa giallorossa, ha compiuto un intervento da matricola: inevitabile il cartellino rosso. Era solo il 19° del primo tempo. Fino ad allora meglio il Como che aveva già impensierito i sanniti con alcuni contropiede. Dopo l'espulsione però il Benevento ha cominciato a coprirsi di più, ma ha beccato anche un calcio di rigore che ci poteva stare. Cerri l'ha trasformato, ma poi s'è reso protagonista di una gratuita provocazione nei confronti del portiere beneventano Paleari, meritandosi il cartellino giallo.

Il Como, dopo essere passato in vantaggio e con la superiorità numerica, via via è andato scomparendo dal campo. Così i sanniti hanno centrato il pareggio al 40° con un bel gol del solito Lapadula, bene imbeccato da Tello. Nella ripresa il Benevento ha reso inoffensivi i lariani, con esperienza e grazie a una tattica non rinunciataria. Le occasioni migliori sono così state prodotte proprio dai giallorossi che, se alla fine avessero vinto, non avrebbero rubato nulla. Per propri meriti, ma soprattutto per demeriti dei comaschi apparsi davvero deboli e confusionari.

Stavolta dunque è stata la solidità tecnica e caratteriale - soprattutto nella ripresa - la nota lieta della squadra di mister Caserta. Lapadula è stato il migliore, facendo reparto da solo, dopo di lui note di merito per Barba, Letizia e Vogliacco. Per Glik invece una giornata da tenere bene a mente: errori così gravi a inizio partita avrebbero potuto davvero costar caro ai suoi compagni.
Prossima gara, domenica 3 ottobre alle 20.45: al 'Ciro Vigorito' di Benevento sarà di scena il Perugia.

La cronaca essenziale
1' - Dopo 20 secondi tocco superficiale all'indietro di Letizia, neutralizzato da un'ottima uscita di Paleari.
3' - Parigini in contropiede mette solo Cerri davanti alla porta di Paleari, ma l'attaccante spreca.
14' - Palla ribattuta in area lariana,Tello la gira verso la porta, ma senza troppa forza: para Gori.
19' - Ancora contropiede del Como, viene lanciato il lento Cerri sul quale Glik commette un fallo incomprensibile: logica la sua espulsione e sanniti in 10.
32' - GOL 1-0 - Vignani affrontato da Tello in area, per l'arbitro è calcio di rigore. Cerri lo batte e segna.
40' - GOL 1-1 - Varnier tocca male, Tello smarca in area Lapadula che insacca.
45' - Tello calcia da buona posizione palla deviata in corner. Sulla battuta Ionita impegna di testa Gori.
90' - Lapadula in azione di contropiede si libera bene di vari avversari, ma dal limite dell'area poi tira alto.

Il tabellino
COMO :
Gori; Vignali, Scaglia, Varnier, Cagnano (78', Ioannou); Iovine (63', Chajia), Bellemo, Arrigoni (78', H'Maidat), Parigini (78' Gabrielloni); Cerri, Gliozzi ('63, La Gumina). A disposizione: Facchin, Bolchini, Solini, Bertoncini, Kabashi, Peli, Luvumbo. Allenatore Giacomo Gattuso.

BENEVENTO: Paleari; Letizia, Glik, Barba, Foulon; Tello (56', Calò), Viviani ('72, Acampora), Ionita; Brignola (21', Vogliacco), Lapadula, Elia ('72, Moncini) A disposizione: Muraca, Manfredini, Masciangelo, Talia, Basit, Vokic, Insigne, Di Serio. Allenatore: Fabio Caserta.
Arbitro: Luca Zufferli di Udine.
Ammoniti: Cerri, Parigini, Gabrielloni, Iannou, Tello.
Espulsi: Glik.