Elezioni Comunali di Benevento 2021 – Tra i comunicati e le note dei candidati del 21 settembre

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

COALIZIONE DI MASTELLA (NOI CAMPANI, FORZA ITALIA E CIVICHE) Scrive l'ufficio stampa del candidato sindaco Clemente Mastella: "Questa mattina, nel giorno del trentunesimo anno dal suo vile assassinio, abbiamo intitolato una strada di Benevento al giudice Rosario Angelo Livatino, magistrato assassinato dalla Stidda ad Agrigento il 21 settembre 1990, un martire vittima della crudeltà mafiosa, venerato come beato dalla Chiesa Cattolica. Livatino è stato un giudice rigoroso, coraggioso e instancabile nella sua azione di lotta alla mafia. Ha rappresentato lo Stato nella sua funzione di difesa della legalità. Il suo esempio va tenuto vivo, oggi gli rendiamo omaggio. È un dovere morale di ciascuno coltivare la memoria di tutte le vittime della mafia.

In virtù di questa alta convinzione ho aderito al Patto con la Buona Politica "100 passi in 100 giorni" promosso dall'Associazione Libera Campania in occasione delle Elezioni comunali 2021. La lotta per la legalità deve trovarci uniti perché riguarda tutti. È un dovere civile che ha a che fare con la costruzione di una società più giusta, libera, democratica, solidale e pacifica. Con l'ispiratore e il fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, da Ministro di Grazia e Giustizia ho avuto la fortuna di condurre battaglie comuni sul fronte del contrasto alle mafie e ad ogni forma di illegalità. Da Sindaco ho fortemente voluto un Generale della Guardia di Finanza in congedo, Raffaele Romano, quale Assessore alla Trasparenza e Legalità, proprio per dare un segnale forte ed inequivocabile affinché fosse chiaro a tutti da che parte stiamo. Abbiamo lavorato in sinergia con le Istituzioni per ridare vita ai beni confiscati alla mafia recuperandoli alla legalità e restitituendoli ai cittadini. Azioni di una battaglia, quella per la legalità, che ci vede in prima linea e sulla quale va costruito un fronte comune.

Ringrazio l'Associazione Libera Campania per gli immancabili contributi al processo di sradicamento dalla società del cancro delle illegalità e del fenomeno mafioso".

Scrive l'assessore comunale alle Politiche sociali Luigi Ambrosone, candidato al consiglio comunale con la Lista Mastella a sostegno di Mastella sindaco: Mi dispiace dover intervenire per correggere il candidato Sindaco Perifano il quale, un po' per la ruggine accumulata in tanti anni di lontananza dalle politiche attive dell’Ente e soprattutto per la colpevole disattenzione dei suoi informatori, in relazione ad uno dei punti cardine del suo programma elettorale, mi riferisco alla Casa di Riposo San Pasquale, ha omesso di considerare che le sue proposte sono già state programmate ed in corso di definizione dall’Amministrazione Mastella in carica.

Infatti il giorno 20 settembre la Casa Di Riposo S. Pasquale è stata aggiudicata e affidata ad un Consorzio di Cooperative che ha indicato la consorziata Il Gabbiano quale Coop. Esecutrice. Entro il mese ottobre, pertanto, sarà consegnata la struttura e avviati i lavori che da contratto saranno ultimati nei 60 giorni successivi. La casa di Riposo S. Pasquale diventerà una vera Casa Albergo per Anziani con tutti i confort, servizi di qualità e innovativi, con accoglienza tale da poter consentire alla città di Benevento di erogare un servizio degno di una città capoluogo di Provincia, che mai i precedenti amministratori di questa città avevano nemmeno immaginato di fornire. L’affidamento alla società cooperativa Il Gabbiano prevede la salvaguardia di tutte le figure occupazionali, 8 operatori socio assistenziali già presenti nella struttura all’atto della chiusura dei NAS, con incremento di altre 10 figure professionali da dover completare l’organico rispetto all’ampliamento della capienza che passerà a 34 posti di anziani che si potranno ospitare.

Pur tuttavia va chiarito e precisato che si è ereditata una struttura gestita in modo a dir poco sciagurata. La Casa per Anziani veniva gestita con servizi che costavano alla comunità per oltre € 360.000 all’anno all’Ente. Il problema però non erano i costi ma gli utenti serviti. Circa 10 persone ospitate di cui una mamma con bambino, due sfrattati dai propri alloggi, n. 2 senza fissa dimora. Alcuna programmazione mirata a garantirne la fruizione ai veri utenti della stessa ovvero gli anziani sessantacinquenni autosufficienti. Il Dirigente del Settore Servizi al Cittadino, segnalava che a seguito di sopralluogo dei NAS era emerso che la struttura non possedeva i requisiti strutturali richiesti per essere accreditata previsti dall’art. 5, comma 1, lett. B DPGR n. 4/2014; a firma del Dirigente OO.PP, si evidenziava che per la struttura de qua risultavano mancanti, o non reperiti, alcuni documenti e certificazioni di rilievo tra cui il certificato di agibilità/abitabilità; la struttura era mancante del sistema Antincendio: dopo le dovute perizie tecniche è stato inserito nel bando come procedura da attuare dal gestore aggiudicatario senza oneri a carico dell’ente. A tal proposito si dava indirizzo che le circostanze sopra evidenziate avessero riflessi immediati e diretti sulla gestione della struttura atteso che, alla luce di quanto sopra esposto, emergeva la necessità di rivederne integralmente le modalità di gestione onde sfruttarne al meglio ed a pieno le potenzialità, assicurare altresì una maggiore economicità delle stesse e, soprattutto, destinarla alla fascia di utenti cui era normativamente rivolta.

Infatti, il sindaco Clemente Mastella e l’Assessore alle politiche sociali Luigi Ambrosone, hanno ritenuto di indirizzare la struttura in regime della concessione a terzi e di attribuire al concessionario affidatario, individuato con evidenza pubblica, la gestione funzionale ed economica della stessa, corrispondente, a titolo esemplificativo e non esaustivo, ai servizi di: direzione della struttura, direzione sanitaria, assistenza infermieristica, assistenza tutelare, assistenza riabilitativa, animazione, ristorazione, lavanderia, sanificazione, derattizzazione e disinfestazione, raccolta rifiuti, manutenzione ordinaria. Il dirigente e la struttura tecnica dell’assessorato alle Politiche Sociali prendeva atto del suindicato indirizzo e comunicazioni e procedevano all’approvazione integrale del progetto gestionale elaborato dal Settore Servizi al Cittadino. Il dirigente del settore politiche sociali, dopo una gara andata deserta procedeva ad una successiva gara a cui, entro il termine di scadenza, è pervenuta una sola offerta da parte di un Consorzio di Cooperative che ha indicato la consorziata Il Gabbiano quale Coop. Esecutrice. Con delibera di G.C. n. 142 del 23.7.2021, che invitiamo il candidato Perifano ed i suoi disattenti informatori a leggere, si è proceduto ad approvare il nuovo Piano Finanziario per l’affidamento in concessione della Casa Albergo per anziani “San Pasquale” per la durata di mesi centoventi (120) decorrenti dalla consegna dell’immobile, confermando l’importo del canone di concessione annuo di € 12.500,00 annui.

In relazione alla intenzione di utilizzare la struttura per i malati di Alzheimer si rammenta al candidato Perifano che tra i 13 interventi inseriti nel PICS della Città di Benevento figura l’intervento denominato “LA CASA DI JONAS” - “Ristrutturazione di un edificio da adibire ad attività socio-assistenziali in Località Pacevecchia”, per l’importo complessivo di €.1.430.738,3 il cui progetto è stato approvato nel 2019. Con determina dell’U.O. PICS N. 1071 DEL 14-09-2021 si è stabilito di procedere all’affidamento, previo esperimento di procedura negoziata ai sensi dell’art. 1, comma 2 lett. b) della disciplina sostitutiva L. 120/2020 e dato pertanto avvio alla procedura per l’esecuzione dei lavori. Tra le attività socio assistenziali e socio sanitarie previste vi sono quelle destinate ai malati di Alzheimer, ai Bambini Autistici e alle loro famiglie.

Appare evidente che il programma elettorale consigliato al candidato sindaco Perifano è stato già attuato dall’Amministrazione Mastella, anzi quanto già attuato dall’amministrazione Mastella risulta essere una realtà molto più significativa e molto più innovativa di quanto proposto in modo approssimativo dal programma elettorale proposto dal candidato sindaco Perifano. Un consiglio a coloro che informano il candidato sindaco Perifano di aggiornare il programma elettorale! E soprattutto di documentarsi e informarsi meglio!

*

COALIZIONE DI MORETTI (VERDI E CIVICHE) - Scrive l'ufficio stampa del candidato sindaco: Angelo Moretti, candidato Sindaco della Coalizione ArCo, ha già accettato l'invito di "Libera contro le mafie" e che l'incontro è fissato alle ore 18.30 di sabato 25 sept 2021

*

COALIZIONE DI DE STASIO (FDI E LEGA-CIVICA) - Scrive Ida Santanelli, portavoce del circolo "La città che sale" di Fratelli d'Italia, lista a sostegno della candidata sindaca Rosetta De Stasio: La relazione che l’OSL (Organo Straordinario di Liquidazione) ha inviato il 15 settembre al Ministero dell’Interno e alla Prefettura di Benevento suscita qualche dubbio sulla effettiva necessità di dichiarare il dissesto da parte del Sindaco Mastella e il legittimo sospetto che si sia trattato di una decisione prettamente politica, finalizzata a scaricare le proprie responsabilità amministrative sulle precedenti amministrazioni, facendone pagare le conseguenze ai creditori dell’Ente e alla comunità beneventana.

Da mesi leggiamo dei turbolenti rapporti tra il Sindaco e la Commissione Straordinaria di Liquidazione - nominata dal Ministero dell’Interno in seguito alla dichiarazione di dissesto fatta dal Sindaco nel 2017 - i cui componenti sono stati addirittura accusati da Mastella, durante il consiglio comunale del 22 luglio u.s., di non fare il proprio dovere. Non stupisce, dunque, la conseguente relazione dei funzionari ministeriali che in 20 pagine hanno evidenziato le innumerevoli difficoltà poste dall’Amministrazione comunale per impedire/ritardare il regolare e celere svolgimento delle loro attività, al punto che, a distanza di 4 anni dalla dichiarazione di dissesto, non è stato possibile neanche quantificare l’importo complessivo dell’indebitamento dell’Ente. Peraltro già nei mesi scorsi pare che i componenti dell’OSL avessero inviato una nota ai consiglieri comunali per allertarli sugli impedimenti riscontrati nella definizione della procedura di dissesto.

Dalla lettura della relazione emerge che, contravvenendo alle indicazioni del Testo Unico degli Enti Locali, ai funzionari ministeriali non sono stati riservati locali e ambienti idonei allo svolgimento della loro attività e non è stato neanche assegnato il personale necessario e di provata esperienza professionale per poter collaborare, nonostante il Comune avesse la disponibilità di ben 16 dipendenti dell’Ufficio Tributi, trasferiti in seguito alla dismissione dello stesso, a causa dell’affidamento al Concessionario degli adempimenti relativi alla riscossione, agli accertamenti ecc. Si evidenzia persino la mancata osservanza delle norme relative al bilancio armonizzato laddove era prevista una revisione straordinaria dei residui; il dato più preoccupante evidenziato dall’OSL è che ci sarebbero irregolarità nei bilanci e circa un milione e seicentomila euro di residui attivi risalenti a prima del dissesto che il Comune avrebbe incassato invece di versarli alla Commissione, con conseguente danno dei creditori dell’Ente. Per non parlare delle difficoltà lamentate dai funzionari del Ministero nella gestione dell’alienazione del patrimonio comunale disponibile.

Non intendo certo innescare una polemica pretestuosa da campagna elettorale su un argomento così delicato ma ritengo indifferibile sollecitare un chiarimento da parte del Sindaco Mastella sulla reale storia contabile del Comune di Benevento, per rendicontare sui veri responsabili politici e amministrativi di ben due dichiarazioni di dissesto che, negli ultimi decenni, hanno notevolmente danneggiato la città, impedendone lo sviluppo socioeconomico e sottoponendo generazioni di beneventani alla massima tassazione possibile. Non stupisce che, purtroppo nella classifica della Fondazione Etica, riportata sui maggiori quotidiani nazionali, Benevento risulti tra le città peggio amministrate d’Italia in base ai parametri relativi a: governance, personale, bilancio, servizi, ambiente e appalti.

*

COALIZIONE DI PERIFANO (PD, CENTRO DEMOCRATICO E CIVICHE) - Scrive l'ufficio stampa del candidato sindaco di Alternatva per Benevento, Luigi Diego Perifano: “Mi aspettavo che da palazzo Mosti giungessero parole chiare sui numerosi punti controversi denunciati dall’Osl nella relazione inviata al Ministero dell’Interno. E invece, in una dichiarazione resa alla stampa, Mastella ci fa sapere che non intende fornire chiarimenti sulla vicenda. E’ l’ennesimo schiaffo alla Città, ma nulla di nuovo: è dall’inizio della campagna elettorale che Mastella fugge dal confronto, e non faccio riferimento a quello tra i candidati ma a quello sui temi. Dispiace, perché nella mia conferenza di ieri, come si evince dagli articoli e dai servizi dei giornalisti presenti, non ho utilizzato toni da scontro. Non ho puntato il dito ma posto degli interrogativi su una serie di inquietanti risvolti della situazione di conflittualità che vede protagonisti l’Osl e il Comune, e che danneggia pesantemente i beneventani”. Così in una nota stampa Luigi Diego Perifano, candidato sindaco di ‘Alternativa per Benevento’. “Non stupisce, dicevo, la reticenza di Mastella. Sorprendono, invece, - prosegue Perifano - le parole dell’assessore alle Finanze Maria Carmela Serluca. Da tecnico della materia, infatti, saprà certamente che il Comune non può indebitamente trattenere somme di competenza dell’Osl – nel caso specifico gli introiti rinvenienti dalla riscossione di tributi relativi ad annualità precedenti al dissesto – perché la legge impone l’obbligo di riversare tali somme nella gestione straordinaria. E ciò, come noto, a tutela dei creditori del Comune. Peraltro nella relazione dell’Osl si afferma chiaramente che in nessuna delle scritture contabili del Comune si evince che le somme introitate sono destinate alla gestione del dissesto. Quindi aumentano dubbi e preoccupazioni, che finiscono per coinvolgere anche la veridicità dei bilanci approvati negli ultimi anni. Il tutto mentre i cittadini assistono attoniti ad uno scontro di cui pagano le conseguenze, giacchè fin quando proseguirà il dissesto si continueranno a pagare le tasse con le aliquote massime”. “Una vicenda così seria – conclude Luigi Diego Perifano – meriterebbe un dibattito altrettanto serio. Io faccio e farò la mia parte perché è interesse della Città conoscere motivi e responsabilità di una procedura di dissesto che va avanti al ritmo di una lumaca. Se altri pensano di aggirare l’ostacolo con battute e fesserie – come quelle sempre abbondanti nelle note stampa di ‘Noi Campani’ – il dispetto lo fa ai beneventani, non a me”.

Scrive il circolo cittadino del Pd: Mercoledì 22 settembre, alle ore 13.00, presso Palazzo Paolo V, a Benevento, il vicesegretario nazionale del Partito Democratico, Peppe Provenzano, incontrerà la stampa e la comunità democratica per sostenere il candidato sindaco di Alternativa per Benevento, Luigi Diego Perifano. “Le aree interne e la sfida del governo delle città” sarà al centro del dibattito.

Dal 2017 a maggio 2021 Benevento ha perso oltre 2mila abitanti. Parliamo di giovani, professionisti, lavoratori, il più delle volte con importanti percorsi di formazione alle spalle. Ma parliamo anche di famiglie, di genitori in pensione che hanno venduto le loro proprietà per comprare un bilocale nei centri del nord per poter stare accanto ai propri figli. Un esodo continuo ed inesorabile che non si è arrestato neanche durante la pandemia, futuro sottratto ai nostri territori e alla loro capacità di sviluppo. Benevento è ferma, immobile, priva di visione e progettualità. Invertire la rotta, grazie alle straordinarie risorse dei prossimi anni, è possibile, ma occorre una classe dirigente politica all’altezza e amministratori intenti a cogliere le opportunità progettuali e di programmazione.

*

Hanno inviato note anche: Giuseppe Tecce (candidato al consiglio comunale con la lista 'Centro Democratico' a sostegno di Perifano sindaco); Fausto Pepe (ex sindaco ed esponente del Pd); la lista "La Tua Benevento Futuro", che sostiene il candidato sindaco Luigi Diego Perifano; la lista "Sannio Libero", che sostiene il candidato sindaco Clemente Mastella; l'assessore al Bilanciod ell'amministrazione Mastella, Maria Camela Serluca; l'assessora alle politiche per le cntrade Carmen Coppola, candidata al consiglio comunale con la lista "Noi Campani", a sostegno di Mastella sindaco; il Codacons Benevento.