Torna la serie B: il Benevento apre il programma della terza giornata

- Sport IlVaglio.it

Da dove si riparte? Dalla sbadataggine difensiva in cui s’è incuneato il Parma uccellando un Benevento, dignitoso ma improduttivo in attacco, proprio quando la via degli spogliatoi era già imboccata? O dall’illusione ottica della larga vittoria dei sanniti sulle seconde linee del Napoli? Da un’opportuna sintesi, è facile dire: che coniughi la ritrovata vena offensiva con la capacità di tenere il campo senza… distrarsi pericolosamente. Il banco di prova, nell’anticipo serale della terza giornata di andata del torneo cadetto, è davvero buono per la verifica. In contrada Santa Colomba giunge una delle squadre (ritenute) dell’élite del campionato, il Lecce, per un derby fra giallorossi che ha anche un sapore amico e piacevolmente antico in virtù della presenza sulla panchina pugliese di Marco Baroni, il tecnico al cui nome si associa in maniera indelebile la storia sportiva della società beneventana per la sua ‘prima volta’ in serie A (per tacere del campo, dove si vedranno Lucioni, Coda, Tuia). Se la nostalgia gioca anche a ragione la sua carta, il richiamo alla realtà è troppo più forte, ed il Benevento ha da far dimenticare soprattutto l’infelice esito patito prima della pausa per la Nazionale. Che non inficia alcuna aspirazione, ma che brucia in maniera eccessiva se rapportato al comportamento tenuto sul rettangolo di gioco.

Spazio, infine, alle consuete spigolature statistiche. Tra i quattro allenatori che sfidano il loro passato nella 3° giornata della serie BKT, spicca proprio in Benevento-Lecce, il... doppio ex: Fabio Caserta ha giocato nel Lecce 2008/09 (serie A, retrocesso in B, 34 presenze e 5 reti in match ufficiali con i giallorossi salentini), Marco Baroni ha guidato da allenatore il Benevento dal luglio 2016 all’ottobre 2017, centrando la prima storica promozione in serie A dei sanniti (2016/17), per complessive 58 panchine e score di 21 vittorie, 15 pareggi e 22 sconfitte. Le due squadre, inoltre, hanno incrociato il pallone in contrada Santa Colomba, fra serie B e C, per undici volte. Prevalgono i giallorossi di casa, con sette successi (agli avversari la cittoria è arrisa solo una volta); tre i pareggi (22 i gol sanniti, 9 quelli pugliesi). La prima gara che si ricordi nel lontano torneo di serie C del 1936/37 (3/0 per il Benevento).