Chissà se anche per il Frecciarossa i governanti di Benevento saranno puntuali e a festa nella Stazione

- Opinioni IlVaglio.it
La Stazione Centrale Ferroviaria di Benevento
La Stazione Centrale Ferroviaria di Benevento

Ci sarà un pizzico di inconsapevole 'malignità' nella nota stampa (leggi su IlVaglio.it) con cui, a mezzo Fernando Errico, i beneventani vengono resi edotti su un ulteriore miglioramento dell'offerta di mobilità su rotaia. Non s'è ancora spenta l'eco dell'arrivo del treno “Italo”, che – potenza della concorrenza, invero – ecco che all'orizzonte dell'ormai prossimo orario estivo delle ferrovie (in vigore dal 13 giugno), si staglia la poderosa sagoma del Fracciarossa 1000, nave ammiraglia di Trenitalia: il collegamento diretto stavolta è fra Milano e Lecce, due treni al giorno (uno in salita e l'altro in discesa, ovviamente) per una “relazione” mai servita in precedenza con simile mezzo e soprattutto niente 'cambio' nella capitale, ma la comodità di sedersi a Benevento ed alzarsi magari a Firenze, Bologna o Reggio Emilia o il capoluogo meneghino.

A... occhio si possono calcolare gli orari della fermata alla stazione Centrale – ché la nota sopra evocata non lo svela, appunto – e dunque è il caso di stare in campana. Nonostante si tratti di un'azienda che già bazzica le lande del Sannio, siamo comunque dinanzi a una 'primizia' come quella fornita già da giorni da parte di Italo (perché il problema non è il marchio ma appunto il servizio).

E l'interrogativo serpeggia, nell'opinione pubblica beneventana: meriterà questo passo importante di Trenitalia lo stesso trattamento della concorrente Ntv? Si stanno già scrivendo gli slogan? E' pronto l'abito buono? Ci saranno striscioni e putipù? Quale assessore, quale consigliere comunale o provinciale farà da paggio? E il sindaco, il sindaco!, e il presidente della Provincia, il presidente !, debitamente informati del momento esatto del primo transito (una casualità: sempre in perfetto orario, poi via via...) vorranno mai far mancare il loro saluto e benvenuto ai (giustamente) orgogliosi passeggeri che avranno la fortuna di incedere sul tappeto rosso di piazza Colonna?
Alta velocità e bassa capacità combaciano.