Benevento - Dissesto del Comune e sua gestione: Pepe attacca Mastella

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Fausto Pepe
Fausto Pepe

Scrive Fausto Pepe dirigente del PD del Sannio, già sindaco di Benevento: Prendo spunto dalla sentenza n. 80 del 29 aprile 2021 della Corte Costituzionale per ribadire alcune questioni in relazione alla gestione del dissesto da parte della Amministrazione Mastella. Bisogna innanzitutto ribadire, e per l’ennesima volta, che Mastella ha deciso di perseguire la via del dissesto solo per ragioni politiche, con l’obiettivo di infangare e screditare l’operato della precedente Amministrazione a guida PD, costituita peraltro dagli stessi uomini e donne dei quali Mastella, impudicamente, pretenderebbe oggi di allearsi.

La vera storia del debito storico del Comune di Benevento è composta essenzialmente da sentenze di espropri di suoli privati, dove oggi sono costruiti interi quartieri di questa Città, Capodimonte, Pacevecchia, Via Avellino, zona Avellola, e tante cooperative edilizie.

Mastella questa storia la conosce bene!

L’Amministrazione PD ha solo contribuito in maniera determinante a pagare quel debito pregresso.

L’Amministrazione Mastella invece dopo avere fatto un dissesto nel febbraio 2017, ha praticamente disatteso tutto quanto previsto dalla sentenza n. 80 del 29 aprile 2021 della Corte Costituzionale.

Tale sentenza infatti sostiene, ove ve ne fosse stato bisogno, che l’Organo Straordinario di Liquidazione, pur essendo nominato con DPR dal Ministero degli Interni, ha la massima competenza e responsabilità, nel ripianare l’indebitamento dell’Ente, così come il Comune, ed in particolare condividono l’onere di rilevare la massa passiva, acquisire e gestire i mezzi finanziari, alienare il patrimonio e, cosa più importante liquidare e pagare i creditori.

Il Comune di Benevento ha provveduto ad offrire alla OSL tutto il supporto dovuto per legge? Visti gli esiti del lavoro svolto in questi lunghi 4 anni, e i tanti ritardi accumulati, sembrerebbe proprio di no.

Il Comune infatti avrebbe dovuto fornire locali idonei, attrezzature, personale necessario, e lo stesso Sindaco Mastella, gli altri amministratori, il Segretario Generale, i Dipendenti avrebbero dovuto fornire massima collaborazione, in caso contrario, dice la norma e la sentenza, ne risponderanno personalmente.

Insomma l’ufficio dell’Organo Straordinario di Liquidazione, con il dissesto, diventa di gran lunga l’ufficio con più responsabilità e competenze della macchina comunale.

Anche questo, oltre le tante altre mancanze della Amministrazione Mastella, deve diventare tema di questa campagna elettorale, lo si deve ai cittadini!