Il centrosinistra offre a Perifano la candidatura a sindaco di Benevento

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Luigi Diego Perifano
Luigi Diego Perifano

Appena un'ora dopo l'avvio della riunione decisiva della coalizione del centrosinistra cittadino, piomba sulle redazioni beneventane addirittura il “verbale” della stessa: poche, fragorose e soprattutto sorprendenti righe, e tante firme in calce. Dopo un lungo penare, e mediare, e riflettere, è spuntata fuori, con un tempismo incredibile e una tempistica da campagna elettorale del tutto rispettata, l'offerta di una candidatura alla carica di sindaco nelle elezioni comunali di Benevento d'autunno a Luigi Diego Perifano, la cui eco mai s'era finora avvertita...

Si legge, allora: “L'anno duemilaventuno (la fretta di condividere la novità ha fatto saltare nell'originale una consonante, ma qui correggiamo, Ndr), il giorno diciassette del mese di Maggio, alle ore 18.30 presso l'hotel Italiano in Benevento, le seguenti Componenti di “Alternativa per Benevento”, la Coalizione Riformista Sociale e Popolare istituita dell'adunanza del 10 maggio u.s., si sono riunite per procedere alle previste determinazioni in merito alle prossime elezioni per il rinnovo del Sindaco e del Consiglio Comunale della Città; INVITANO l'Avv. Luigi Diego Perifano sa rappresentare, quale candidato sindaco, la coalizione “Alternativa per Benevento” nelle prossime elezioni amministrative di ottobre 2021; RIMETTONO al candidato sindaco di cui innanzi la “bozza programmatica” relativa al “Progetto per la Città” elaborato dalla coalizione medesima”.

Le forze impegnate, e dunque firmatarie, sono Articolo Uno, I Moderati, Benevento Futuro, Centro Democratico, Città Aperta, Patto Civico, Cittadini in Comune, I Riformisti, CivicA, Partito Democratico.

A parte l'assenza di Italia Viva (la cui consistenza elettorale è tutta da verificare...), c'è una postilla e riguarda l'atteggiamento del M5S, sancito dalle firme delle consigliere comunali, Farese e Mollica. Ebbene, si legge, “Il M5S di Benevento ha da tempo partecipato, da assoluto protagonista, al percorso di formazione della Coalizione, Alternativa per Benevento, unitamente all'elaborazione della connessa Bozza programmatica. Coerentemente, ad oggi, il M5S prende atto dell'indicazione del candidato Sindaco da parte delle predette componenti della Coalizine, rinviando agli organismi nazionali (e quali sono?, Ndr), all'esito delle note procedure di riorganizzazione in corso nel MoVimento, ogni decisione in merito alle modalità di prosecuzione del percoros politico unitario (e se dovessero esprimersi in senso contrario, quelle firme che valore avrebbero?, Ndr)”.
Prive di autonomia, insomma, Farese e Mollica hanno da un lato manifestato apertamente la volontà di correre contro Mastella e assieme al centrosinistra, con aspirazioni immediate però che si sono infrante sulla rigidità dello Statuto, dando in via indiretta corpo e sostanza alle frecciate dello stesso Mastella nel ricordare loro il veto sui candidati in odore di massoneria.

Comunque, svelata con siffatto “colpo di scena” la laboriosa elaborazione del think thank della coalizione di centrosinistra, mancava all'appello l'ufficialità ancor più ufficiale con l'accettazione della candidatura. Il vantaggio, in questo caso, era che Perifano si trovava da solo a decidere rispetto alle undici formazioni che hanno deciso per lui. E quindi, un breve (turbo)comunicato ha seguito di trenta minuti il verbale d'assemblea. Con queste parole: “Ringrazio la coalizione Alternativa per Benevento per l’invito che mi è stato rivolto. Per me è un grande onore e anche una grande responsabilità. Mi riprometto di incontrare a brevissimo tutte le componenti dell’alleanza per avviare nel migliore dei modi il confronto con la Città. I primi passi di un lungo cammino sono quelli decisivi per costruire, nella trasparenza del metodo e nella condivisione degli obiettivi, una proposta di governo all’altezza delle aspettative dei beneventani”.
Si può supporre che sia un 'sì'.