Benevento – Parma è la prima ghiotta opportunità per la permanenza dei giallorossi in Serie A

- Sport IlVaglio.it
Gianluca Caprari
Gianluca Caprari

Benevento – Parma è la prima ghiotta opportunità per la permanenza dei giallorossi in Serie A fra i grandi del calcio. Ben più dell'impresa, il successo a Torino chez Juventus ha avuto il pregio di spezzare l'astinenza che durava dal 6 gennaio scorso e accorciare la distanza dalla quota salvezza. Che è lo 'scudetto' del Benevento calcio in questa stagione, per stare alle parole del tecnico giallorosso Inzaghi, fresco reduce dal premio che lo ha consacrato come il migliore nel torneo cadetto dei record, della stagione passata, concluso con il salto di categoria.

Chiusa la pausa delle nazionali, i sanniti tornano in campo per due turni casalinghi in fila, il primo dei quali – e siamo alla decima giornata del girone di ritorno – è contro il Parma, nell'immediata vigilia di Pasqua (il secondo, sarà la sera del 12 aprile, contro gli altri emiliani del Sassuolo guidati dall’ex Roberto De Zerbi).

Collocazione di calendario, quella contro i parmensi, che suggerisce il prevedibile assunto: non sono gradite sorprese dal classico uovo. Affrontando la penultima della classe, sopravanzata di dieci lunghezze, si materializza la prima delle più ghiotte opportunità per porre un ulteriore mattone nella costruzione della permanenza fra i grandi del calcio.

Da entrambe le parti, peraltro. Roberto D'Aversa, tecnico rientrante a Parma, in una intervista televisiva ha usato parole chiare: “Nella salvezza ci crediamo, qualcuno ci dà già per retrocessi e questo deve essere una spinta per noi. Ci sono ancora 30 punti a disposizione e non possiamo permetterci di buttarne altri”.
Dunque, è la vittoria l'obiettivo unico anche per i giallorossi, pur riconoscendo il valore degli ospiti e tuttavia valutandone al momento lo 'status' di compagine seriamente indiziata a tornare in B. Comincia, insomma, il minicampionato in cui far valere le motivazioni ben più di eventuali gap tecnici: questo il lascito più importante dei tre punti strappati ai bianconeri piemontesi.
*
Solito sguardo ai numeri della Lega, infine. É terminato 0-0 l’unico precedente tra Benevento e Parma considerando Serie A TIM, Serie B e Coppa Italia, disputato nel match d’andata di questo campionato. Dopo una striscia di 11 match senza alcun successo in campionato (5 pareggi, 6 sconfitte), il Benevento ha vinto la gara più recente contro la Juventus - solo due volte ha registrato due successi di fila in Serie A TIM: nel dicembre 2020 e nel gennaio 2018

Il Parma subisce gol da 20 match fuori casa consecutivi di campionato, solo nel 2010 (24) e nel 2006 (22) ha incassato gol per più trasferte di fila in Serie A TIM, inoltre ha pareggiato tre delle quattro sfide di questo campionato contro squadre neopromosse (con una sconfitta); nella sua storia in Serie A TIM non ha mai chiuso una stagione senza aver vinto almeno una gara contro una formazione proveniente dalla Serie B ed è la squadra che ha guadagnato meno punti contro squadre che ad inizio giornata erano nelle ultime 10 posizioni della classifica in questo campionato - 10 in 14 match (1 vittoria, 7 pareggi, 6 sconfitte).

Siamo, ancora, dinanzi alla sfida tra la squadra che ha mandato in gol il maggior numero di giocatori italiani in questa Serie A TIM (Benevento, nove) e quella ha trovato la rete con meno italiani (Parma, solo uno proprio con l’ultima rete segnata da Graziano Pellè). Il Benevento ha segnato il 50% (14/28) dei suoi gol in questa Serie A TIM su calcio piazzato, percentuale record nel torneo in corso; il Parma è la squadra che nel 2021 ha perso più punti da situazione di vantaggio (14) nei cinque maggiori campionati europei.

Gianluca Caprari, autore di cinque gol e quattro assist in questo campionato, potrebbe diventare il primo giocatore del Benevento a partecipare ad almeno 10 reti in una singola stagione di Serie A TIM. La prossima sarà la 100ª presenza di Luigi Sepe con il Parma in Serie A TIM. Dal suo arrivo nella squadra emiliana (nel 2018/19), il “classe ’91” è il portiere che ha effettuato più parate nel massimo campionato (365).