La vigile attenzione mediatica non conosce pausa, né barriere territoriali

- Opinioni IlVaglio.it
San Lorenzello
San Lorenzello

Il 'movimentismo' del comandante dei vigili urbani di Benevento, Fioravante Bosco, è risaputo. Nel senso che per ogni azione, anche ordinaria, si può scommettere su una... reazione, nel caso tipicamente mediatica. Prima dell'avvento nella carica di commander-in-chief in città, l'attività di ordine pubblico dei vigili urbani era ristretta alla sporadicità di qualche nota a cura dell'ufficio stampa di palazzo Mosti. Così, senza particolare rilievo e interesse destato.

E' bastato che l'estate del 2019 recasse in dote con il tocco dismesso di Fantasia il nome del sindacalista Fioravante Bosco perché le carte si rivolgessero in tavola. Aduso all'esperienza Uil, archiviata al momento ma non eliminata dal panorama individuale – non manca mai il sostegno sindacale alle lotte' dei vigili -, Bosco ha tradotto la sua attitudine ad apparire piuttosto in fretta, in pratica dotando il Corpo della Polizia municipale di autonomia rispetto all'ufficio stampa ufficiale negli aspetti 'divulgativi' dell'onusta e diuturna attività istituzionale.

Una prassi confermata dal dibattuto e osteggiato, anche, incarico a scavalco con il Comune di San Lorenzello (leggi su IlVaglio.it), dove per un paio di giorni alla settimana e per un qual certo numero di ore, Fioravante Bosco replicherà la sua figura apicale e andrà avanti (come ha subito fatto, infatti), con il suo metodo.

E' tutto ciò ha risposto a un canovaccio meno volatile del previsto: se di San Lorenzello, e del suo sindaco Lavorgna, le cronache sono povere di attenzioni da tempo, adesso il comune della Valle Telesina si trova a vivere la bella stagione grazie a Fioravante Bosco: neppure ha percorso le poche decine di chilometri da Benevento che già aveva il comunicato stampa in punta di tasto... (leggi su IlVaglio.it).