Protesta contro i platani capitozzati davanti alla vecchia stazione di Porta Rufina

- Ambiente Sanità IlVaglio.it

Scrive Carmine De Gennaro, presidente onorario di Benevento città verde: 8 marzo 2021. Campania di nuovo in profondo rosso e festa della donna. Ma non c’è proprio niente da festeggiare tra violenze e contagi. Siamo barbari e incivili e vittime incolpevoli della pestilenza. A Benevento, il 28 gennaio scorso riunione di urgenza della Commissione comunale al ramo per stabilire il prezzo del legname di pini da tagliare e per stabilire i criteri di scelta degli acquirenti e venerdì scorso, il 5 marzo, l’altro giorno, ancora riunione di urgenza di Mastella con la partecipazione di Amministratori, Assessori, Consiglieri, Tecnici e Dirigenti comunali per individuare e fronteggiare il pericolo schianto sempre dei pini del viale Atlantici in caso di maltempo ci fanno capire bene di chi siamo governati qui in città. E in quali mani è finita la cura e la manutenzione del verde. E’ stato raggiunto un censurabile livello di a discapito degli alberi della città di Benevento del tutto particolare... Dopo le catalpe di Lungo Calore Manfredi, i tigli di via Torre della Catena, nelle ultime ore sono stati colpiti i platani ultracentenari del viale di accesso alla storica stazione ferroviaria di Porta Rufina. Capitozzatura per tutti i platani, nonostante il Regolamento comunale del Verde del 2008 e della Legislazione nazionale in vigore dai primi di agosto 2020 (G.U. n° 90 del 4 aprile 2020) …

La normativa vigente … precisa obbligatoriamente che manutenzioni e cure del verde sono da affidare a personale di accertata competenza. Competenza non a capitozzare che è pratica vietatissima. E’ un grande problema locale e nazionale quello della competenza del personale che effettua tagli e potature… Lavori sul verde che vengono compiuti “ con proprio personale” o con personale esterno “ in economia” in quasi tutte le città italiane… In qualche altra città per i lavori “in economia” affidati a personale esterno l’amministrazione del posto si è imbattuta addirittura con persone senza competenza alcuna per la manutenzione del verde…

A Benevento vogliono tagliare e, quando possono, tagliano e tagliano… L’Amministrazione, da un lato, vuol tagliare tutti gli alberi dichiarati “pericolosi” che stanno in piedi per eliminare il pericolo… I cittadini beneventani, da un altro lato, non sanno, non vedono e non sentono niente. Nemmeno il rumore fragoroso delle motoseghe viene sentito. Tentativo in atto di colpire il verde esistente in città… vero, grandioso, storico straordinario. Verde identitario di una splendida città della vita di uomini e animali. Verde contro lo smog, contro le polveri sottili… Quei platani erano degli autentici capolavori invidiati e ammirati da chiunque veniva da altre città e sono stati colpiti ingiustamente…