Discarica Tre Ponti, Maglione: “Rischi per la salute, ho scritto a Di Maria”

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
Pasquale Maglione
Pasquale Maglione

Scrive l'ufficio stampa del deputato sannita del M5S Pasquale Maglione sullo stato della ex discarica sita nel territorio di Montesarchio. Dopo qualche ora risponde la Provincia di Benevento, chiamata in causa dal parlamentare.
La tesi del pentastellato Maglione: “Dopo aver verificato di persona lo stato in cui versa la discarica del comune di Montesarchio, situata nella località Tre Ponti, ho scritto al presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria affinché intervenga al più presto per mettere in sicurezza il sito” a dirlo è il deputato e portavoce M5S Pasquale Maglione. “Sabato scorso - prosegue il deputato - insieme ai consiglieri del M5S del comune di Montesarchio abbiamo effettuato un sopralluogo presso la discarica, constatando purtroppo lo stato di totale abbandono del sito: teli divelti, rivoli di percolato che da ogni dove si riversano nel ruscello antistante l’area, nessun sistema di sicurezza. Condizioni che costituiscono un grave pericolo per la salute dei residenti dell'area e non solo.

Già 2 anni fa gli stessi consiglieri comunali, avevano chiesto a Di Maria un incontro per approfondire le tematiche relative al sito e con dispiacere ho appreso che a questa richiesta non c'è mai stato un riscontro. Personalmente qualche mese fa avevo scritto al presidente chiedendo di effettuare insieme un sopralluogo, ma l’ispezione sollecitata era stata superficialmente derubricata da Di Maria a una passeggiata ecologica, manifestando nei fatti una scarsa attenzione alla problematica. Spero che questa volta il presidente risponda all'invito senza tentare inutili provocazioni a mezzo stampa, ma promettendo un impegno fattivo per la salute dei cittadini”.
La replica della Provincia di Benevento, diffusa dal suo ufficio stampa: In data 6 marzo 2019 la Provincia di Benevento, per senso di responsabilità istituzionale, ha avuto in consegna la discarica commissariale di Tre Ponti di Montesarchio. Una discarica che ha scritto (in negativo) una pagina di storia della gestione del ciclo dei rifiuti nella nostro Sannio.

E’ noto a chiunque che tale discarica è al 90% della sua capienza piena di eco-balle di rifiuti provenienti da altre realtà provinciali, in particolare dal napoletano e dal casertano, rifiuti trasferiti nel Sannio in nome della cosiddetta “solidarietà regionale” nel momento della più acuta emergenza rifiuti.

Né sfugge ad alcuno che alla Provincia è stata assegnata la gestione di una discarica in un momento storico che, per legge regionale, la Provincia stessa non aveva che competenze residuali nella gestione del ciclo rifiuti, essendo tutta la gestione delegata ad altro Soggetto istituzionale.

Ebbene, pur non avendo né ruolo, né funzione specifica, la Provincia è stata invitata a trattare la fase transitoria della gestione della discarica Tre Ponti affinché fosse avviata la sua radicale bonifica. Bonifica che, anch’essa, comportava un’attività tecnico-amministrativa del tutto estranea all’Ente Provincia, essendo stati invece individuati altri Enti quali Soggetti attuatori e responsabili.

Se tale bonifica fosse stata effettuata, essa avrebbe evitato di fatto il protrarsi della transitorietà della gestione della Provincia e nello stesso tempo il protrarsi del ruolo di supplenza della stessa Provincia in questo ambito. Eppure con senso di responsabilità istituzionale, la Presidenza della Provincia ha continuato ad occuparsi di questa gestione senza alcuna soluzione di continuità e nonostante le ben note e rilevanti criticità di ordine finanziario derivanti sia dalla mancanza di competenza specifica nella gestione delle discariche, sia dalla mancata perequazione regionale dei costi gestionali delle stesse discariche dismesse (anche se la perequazione è stabilita proprio da una legge regionale), ed infine dalla carenza di flussi finanziari di provenienza comunale.

In ogni caso, la Provincia ha provveduto alla raccolta del percolato prodotto dalla discarica, anticipando e facendo cassa con le risorse necessarie alle ingenti spese relative a questa operazione.

La Provincia ha continuato e continuerà (si spera per breve tempo) a provvedere alla gestione della discarica; ma occorre comunque fare chiarezza definitiva su tutta questa vicenda: per questo, abbiamo chiesto al Sig. Prefetto di voler convocare con ogni possibile urgenza una riunione presso il Palazzo del Governo con la partecipazione di tutti i Soggetti che hanno titolo a parteciparvi per le responsabilità istituzionali e gestionali di cui sono effettivamente investiti, e cioè la Regione Campania, l’Ente d’Ambito e il Comune di Montesarchio.
Per quanto riguarda questa Presidenza sarebbe oltremodo gradita la partecipazione dello stesso on. Maglione e pertanto ci si augura che il Prefetto voglia convocare anche il parlamentare.