Il Benevento grazia la Samp che riesce a pareggiare: 1-1 nel giorno del ricordo di Imbriani

- Sport IlVaglio.it

Cominciamo dall’aspetto più bello di Benevento- Sampdoria: il consueto ricordo dei tifosi sanniti di Carmelo Imbriani con degli striscioni esposti in Curva. La stella più splendente della storia giallorossa, prematuramente spentasi a 37 anni (nel 2013), ha avuto i giorni della sua nascita e della morte entrambi nella prossima settimana.

E veniamo alla gara: 1-1 il risultato finale con gol di Caprari al 55°, complice una mancata copertura del proprio palo del portiere Audero e pareggio di Keita al 80° che ha anticipato in scivolata Barba, dopo una bella azione e assist di Damsgaard che si è bevuto l’ex Depaoli.

Due punti, comunque, sostanzialmente persi dal Benevento che si è mangiato almeno 4 palle gol. Con Caprari al 50°, solo in area ha calciato a un metro dal palo (ma almeno pochi minuti dopo si è ripreso segnando il gol del provvisorio 1-0), ma soprattutto con Lapadula che per ben 3 volte si è trovato solo davanti ad Audero e si è
fatto respingere o bloccare tutte 3 volte le tiro: e sarebbero stati i gol del 2-0.

Gol fallito e gol subito: la spietata regola del calcio ha colpito ancora. Non avendo giovato stavolta la scelta di
Inzaghi di difendersi a 5, inserendo Foulon al posto di Improta che fino ad allora era stato il migliore dei suoi.

Ovviamente dopo Montipò che, con almeno 3 interventi decisivi, ha prima impedito alla Samp di passare in vantaggio e poi di arrivare prima al pareggio. Il risultato – sprechi dell’attacco beneventano a parte – non è stato proprio bugiardo, dato anche la prevalenza soprattutto sul piano del gioco della Samp nel primo tempo, oltre che ovviamente nella ripresa quando ha dovuto rimontare lo svantaggio.

La speranza dei tifosi del Benevento è nella sollecita messa in campo del neo acquisto, il centravanti argentino Gaich, anche per dare maggiore sicurezza che è apparsa molto tesa e nervosa.

Un punto, comunque, che muove la classifica, in vista delle prossime non proprio semplici 3 gare di febbraio: venerdì 12, alle 20,45 a Bologna; quindi in serata, in casa, domenica 21 contro la Roma; infine, il derby campano (ore 18) a Napoli nell’ultima domenica di questo mese.
*
Il Tabellino

Benevento: Montipo’, Depaoli, Tuia (83’ Caldirola), Glik, Barba, Improta (75’ Foulon), Schiattarella, Ionita, Insigne (67’ Viola), Caprari (75’ Sau), Lapadula (83’ Di Serio). A disposizione: Manfredini, Lucatelli, Pastina, Tello, Dabo, Hetemaj, Iago Falque. Allenatore: Filippo Inzaghi.

Sampdoria: Audero, Augello, Colley, Tonelli (64’ Yoshida), Bereszynski, Jankto, Thorsby (77’, Verre), Silva (77’ Ekdal), Candreva (64’ Damsgaard), Keita, Torregrossa (77’ Quagliarella). A disposizione: Ravaglia, Letica, Ramirez, Askildsen, Regini, Ferrari, Leris. Allenatore: Claudio Ranieri.

Arbitro: Signor Gianluca Aureliano di Bologna

Ammoniti: Silva, Tonelli, Depaoli, Tuia, Improta, Ionita.