Comunali - Mastella stizzito mostra di temere i civici, e comunque non risponde sulle sue telefonate-propaganda ai beneventani

- Opinioni IlVaglio.it
Angelo Moretti del Coordinamento di Civico22
Angelo Moretti del Coordinamento di Civico22

L'ultimo squillo è stato fatale. Nel senso che anche dall'opposto versante politico s'è compreso, stavolta, come qualsiasi mezzo, persino una 'banale' telefonata, abbia un approdo ben definito e rappresenti un puntello alla campagna elettorale permanente che il sindaco uscente della città di Benevento ha inaugurato già dopo aver varcato la soglia di palazzo Mosti cinto di fascia tricolore.

E così in particolare Civico 22 (leggi su IlVaglio.it) e Altrabenevento (leggi su IlVaglio.it) questa volta sono insorti contro l'appuntamento, ormai cadenzato, della chiamata a casa del cittadino-elettore.

E che i tempi, oggi, siano diversi e che il fiato sul collo dell'avversario politico risulti un po' più pesante lo misurano le parole proprio di Mastella in replica (leggi su IlVaglio.it), come mai accaduto prima - e se vogliamo tale reazione è anche una sorta di investitura nel riconoscere lo status di contendente (e chissà se di pericolosità...) al civismo in fase di organizzazione.

I link che in queste righe sono riportati hanno davvero un valore inter-testuale per un motivo ben chiaro: chi vorrà prendersi la briga di leggere o rileggere quanto hanno vergato le associazioni e di contro l'articolato testo del primo cittadino del capoluogo sannita avrà modo di verificare una singolare circostanza.

Se non avrà questa pazienza, beh... pazienza, si accontenti della modesta sintesi che qui di seguito si riporta: Civico 22 ed Altrabenevento insistono in particolare su un punto, e cioè sulla non indispensabilità (nessun particolare allarme da rendere noto che già non si conosca) della telefonata in questione, ovvero sul dato che la stessa abbia un non vago sapore di propaganda; dal canto suo Mastella argomenta su tutto ma soprattutto: non risponde (infatti, è lui che telefona...) sul punto.

Dunque, non spende una parola per dimostrare il contrario, che era imprescindibile parlare del depuratore o, come nel recente passato, del teatro Comunale (eccetera) e che tutto ciò non soggiace ad alcuna logica elettorale.
Insomma, tace.
O meglio, cerca di far passare sotto silenzio quello che è l'aspetto poco ortodosso (eufemismo) del call-center di via Annunziata...