Pure a Natale la inesorabile telefonata ai malcapitati beneventani e il polipo che si cuoce...

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

La zona rossa? Va bene. La clausura ambientale? Certamente. La famiglia ridotta all'osso? Nessun problema. Davvero, è delittuoso sottrarsi al richiamo della responsabilità. Ma poi – è la sera della Vigilia -, se a tutto ciò si aggiunge, nelle immediate vicinanze del cenone mentre una chela (surgelata...) cerca di rovesciare il coperchio e le prime gocce di un aperitivo agricolo fanno da apripista alla pioggia che seguirà, anche la telefonata preregistrata del sindaco Mastella, beh... come non fermarsi a riflettere sulla crudeltà del destino?

Ora, è pur vero che - grazie magari al rapporto diretto con i cittadini per via elettorale – le fasce tricolori pare quasi avvertano l'insopprimibile bisogno di sentirsi presidenti di una repubblica del territorio, e che quindi redazioni e social trabocchino di 'messaggi' natalizi di tali novelli preti laici in diretta concorrenza con papi e vescovi (che pure loro non scherzano), ma è altrettanto vero che la maggior parte di quelli che s'è avuto modo di leggere o ascoltare ha posto l'accento sulla gravità del momento (pandemico, ovviamente), e basta.

Non che Mastella non l'abbia fatto, anzi. S'è sperticato in raccomandazioni da cornetta, con pazienza, intese fra noccioline sgranocchiate e qualche tartina al salmone dal cui bordo leccare lo sbaffo di maionese, facendo il tifo per la sobrietà verbale causa lo spaghetto vicino al limite della cottura.
E però è riuscito a infilare nell'evocato allarme cui prestare dovuta attenzione pure quanto di buono egli ha fatto per la città (non mancando di citare persino il 'mamozio' di piazza Duomo, sic!) in una sorta di onda lunga che è partita dal virus per arrivare alla campagna elettorale prossima ventura.

E' stato a quel punto che, fra la credibilità di un annuncio natalizio via cavo e il borbottio del sugo dei polipi che invocava l'aiuto di una crosta di pane da intingere, s'è prodotto il dramma di una scelta radicale da effettuare: che avreste fatto?
Lo so bene… Quel che ho fatto io: clic !