Il Sannio e trenta anni di qualità della vita: immobile. Per non dire dei meriti: quando ci sono, sempre e solo grazie a Mastella...

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Sono 31 anni che il quotidiano economico Il Sole 24 Ore stila la sua (attesa) classifica della Qualità della Vita nelle province del Bel Paese e si può ben dire che la 'cifra' del Sannio sia sinteticamente riconducibile ad un sostantivo femminile, “stabilità”. Che significa: poche alterazioni nel tempo, poche variazioni. Nel 1990, per intenderci, la collocazione in graduatoria era al 76^ posto, nel 2020 al 79^ posto: né peggio, né meglio, né carne, né pesce. Nessuna 'primavera' ma anche nessun rigido inverno: l'immobilismo è dunque la fotografia nitida di un ambiente privo di scatti, senza grande voglia di riscatto, orientato alla rivoluzione del fermo immagine, come gli orologi rotti che comunque segnano correttamente l'ora due volte al giorno. E' quanto basta, evidentemente, e quanto condanna all'aurea mediocrità anche le stagioni della politica. Peraltro, quest'ultima, in sintonia perfetta con i bisogni della popolazione che amministra, la quale - anche quando pare 'sul punto di' osare in qualche modo – si rifugia nella trincea della conservazione, del quieto vivere dapprima personale che non prova fatica alcuna ad inserirsi solo in un contesto in cui tal sia il comune denominatore come atteggiamento alla vita.

Un'altra annotazione è davvero d'obbligo. Non poteva mancare, e non è mancata infatti, la nota di giubilo della claque mastelliana al potere nella città capoluogo (leggi su IlVaglio.it). Inni di gloria alla capacità taumaturgica del sindaco nel risalire la corrente di ben sedici posizioni da un anno all'altro. E' curioso, però (o forse no perché rientra nell'indole autocelebrativa e si fa forte della smemoratezza altrui): un anno fa, in occasione del 95^ posto in classifica, il primo cittadino ceppalonese imprestato a mezzo urne a Benevento, ebbe – un bel po' piccato – a specificare che “che i dati della classifica si riferiscono all'intera provincia di Benevento, e non al solo capoluogo”. Poi accade che (in apparenza, si chieda ai cittadini della 'sostanza' quotidiana) si lieviti verso l'alto l'anno appresso (dal 95^ al 79^ posto) e, zac..., “Noi Campani”, il partito del predellino di Mastella, s'affretta a dichiarare: “Siamo i primi in Campania e secondi nel Sud ... Solo qualche anno fa eravamo tra gli ultimi della classifica con un picco in negativo nel 2015 quando addirittura si arrivò a sfiorare la centesima posizione. Ora invece tutte le classifiche certificano un trend positivo dimostrando che Benevento è una città che cresce”. Salta agli occhi l'uso per così dire 'amichevole' di certo lessico...