Il 5, 6 e 8 dicembre tornano le Stelle dell’Ail Benevento onlus “Stefania Mottola”, che taglia il traguardo dei venti anni di attività

- Solidarietà IlVaglio.it

Il 5, 6 e 8 dicembre tornano le Stelle dell’Ail Benevento onlus “Stefania Mottola”. Questo Natale, per affrontare i problemi di mobilità determinati dalle disposizioni anti Covid, sono stati organizzati nuovi punti di ritiro delle Stelle di Natale AIL, presso i commercianti che hanno dato la loro disponibilità. A Benevento: Agenzia di viaggi “Rotolando verso Sud” – Via Perasso, n. 7, Bar Tabacchi “Messina” – Via Avellino, n. 36, “Altedo Sud” – Via Torre della Catena, n. 225, Assicurazioni “Palumbo” – P.zza Bissolati, n. 14, Arte cornici “Grimieri Mario” – Viale dei Rettori, n. 39, Lucio Del Grosso – Corso Dante, 33, Nel Blu Viaggi – Viale Mellusi, n. 145, Agenzia Fiordaliso Viaggi – Vico Noce, Mo’ke Caffè – C.da Piano Cappelle, 142 e Boutique “De Nisco” – V.le Spinelli, n. 52 San Giorgio del Sannio (BN).

"Per prenotare la tua buona stella, scrive l'ufficio stampa dell'associazione in una nota, contattaci al nr 3351818585 (sia chiamate che whatsapp) o invia una mail a ail.benevento@ail.it.

*

L’Associazione di Volontariato, senza fini di lucro, opera in rappresentanza delle persone senza nome e senza voce che devono sottoporsi a cure lunghe ed estenuanti, per combattere non solo contro la malattia, ma anche contro le problematiche legate alla carenza di ricettività e di servizi assistenziali minimi nelle strutture ospedaliere locali. Venti anni di Associazione, dall’anno 2000 ad oggi la sezione di Benevento, costituita grazie alla volontà e alla determinazione di Stefania Mottola, sta aiutando i pazienti ematologici della provincia, finanziando sia progetti di ricerca che servizi per migliorare le condizioni di assistenza. Con la raccolta dei fondi sono state aiutate, nei momenti più tristi, un gran numero di persone colpite da leucemia, linfoma o mieloma. Perché l’AIL Benevento Onlus “Stefania Mottola”, dà spazio a tutte quelle persone che, in un momento di sconforto e di difficoltà, hanno bisogno di un sostegno concreto e di calore umano. Come sottolinea Pierangela Mottola, vice Presidente dell’Associazione: “Avrei un sogno da condividere con tutti i VOLONTARI (oltre 600), con i sostenitori (circa 10000 annui), con i nostri medici di riferimento dell'ospedale San Pio di Benevento e Pausilipon di Napoli, con i borsisti biologi ed ematologi, con le infermiere e le assistenti (sia a contratto che stabili, 4 preziose persone), con le Istituzioni, con tutti i PAZIENTI E I LORO FAMILIARI ai quali va il primo pensiero, (a chi è ancora vicino a noi e a chi non ce l’ha fatta tante persone care... ai cui destini siamo indissolubilmente legati) che, in questi 20 anni di attività della sezione AIL di Benevento, dedicata a mia sorella Stefania Mottola, ci sono stati vicini e hanno condiviso una lunga serie di risultati positivi”.

“Una equipe completa che accolga il paziente dal primo momento della diagnosi a quello della dimissione e del follow-up, superando le barriere strutturali, logistiche, burocratiche, a causa delle quali, ancora oggi, nell'epoca della globalizzazione e della socializzazione, gestire un paziente onco-ematologico incontra "ostacoli" metodologici incomprensibili. A piccoli passi posso già immaginare come potrebbe essere se, ognuno nel suo ruolo e con le proprie possibilità, compisse un piccolo gesto in più per rendere più umana e accettabile la situazione temporanea di malattia e debolezza. È per questo che mi piace continuare a sognare".