Benevento.l'Asl: "Nessun tampone è stato smarrito!". E svela che ne fa processare 'circa 400 al giorno'. Deduzioni inquietanti

- Ambiente Sanità IlVaglio.it
Gennaro Volpe, direttore generale dell'ASL di Benevento
Gennaro Volpe, direttore generale dell'ASL di Benevento

Il tabù comincia a incrinarsi nei piani alti dell'ASL di Benevento. Il direttore generale, Gennaro Volpe, in una sua nota fatta difondere oggi poemeriggio dall'ufficio stampa dell'Azienda di Via Oderisio, ha nominato "il numero dei tamponi", quelli nasofarigei necessari per scoprire se una persona è contagiata dal SARS-CoV-2. L'ha fatto per smentire una notizia sul presunto smarrimento di una parte di questi. Nel farlo ha - dopo oltre un mese - svelato alla popolazione sannita la fondamentale informazione sul numero dei tamponi che ogni giorni detta ASL fa processare.

O meglio, si è solo avviato a comportarsi come invece fanno compiutamente e quotidianamente le altre ASL campane, l'Unità di Crisi della Regione, la Protezione Civile nazionale e ogni altro organismo che comunica i dati dei contagiati della pandemia.

Volpe ha scritto, come potrete leggere tra qualche rigo, che l'ASL di Benevento "effettua quotidianamente una media di circa 400 tamponi al giorno", così a occhio, più o meno. Ma è già qualcosa rispetto al buio totale in cui ha tenuto l'allarmata popolazione sannita (nonostante ogni giorno da queste colonne gli chiedessimo di diradarlo quel buio).

"400 circa", dunque, il che significa - ad esempio - che nel Sannio, quando la medesima ASL ha comunicato il 18 ottobre la cifra di 56 nuovi positivi (alle ore 24 del giorno precedente) la percentuale di questi sui 'circa 400' tamponi fatti può essere stata addirittura del 14%. Cioè altissima. Molto di più di quella della Campania (record quello steso giorno) che era al 9,6% e ovviamente di quella nazionale che era al 7,9% sempre in quello stesso giorno. Rivelazione inquietante.

Non fosse ancora chiara al lettore la portata di quel picco, la percentuale record finora registrata in Campania - in questa seconda fase -, quella dell'altro ieri, è stata del 12,8%, mentre quella nazionale a ieri non ha ancora toccato il 10%. Ebbene nel Sannio quel giorno - il 18 ottobre - non è stato comunicato che era del 14% (se lo era, ma Volpe solo il 'circa 400' ha reso noto). Sia come sia, lo si è potuto sapere oggi, di passaggio, in una smentita su dei tamponi dati addirittura per smarriti.

Torneremo su questa questione dei nuumeri dei tamponi - vitale per il dirtto all'informazione dei cittadini sanniti costretti a non sapere mentre sono flagellati da una pandemia -. Ora andiamo al testo integrale della smentita del manager dell'ASL all'articolo di Anteprima 24 sui tamponi persi (clicca per leggerlo).

Sostiene Gennaro Volpe: "I
n merito a notizie diffuse che fanno riferimento a presunti 'smarrimenti' di campioni di tamponi, da parte dell’Asl, per l’accertamento dell’infezione da Virus Sars Cov-2, è doveroso smentire la notizia, chiarendo quanto segue.

La Asl Benevento effettua quotidianamente una media di circa 400 tamponi al giorno che vengono inviati nei diversi laboratori presenti sul territorio regionale per essere processati. Questi, nell’ultima settimana, hanno ricevuto un elevato numero di campioni da analizzare, provenienti da tutte le AASSLL, con conseguenti rallentamenti nelle comunicazioni dei referti. A ciò si è aggiunto anche un iperafflusso di dati Covid dai laboratori privati, operativi dal 16 ottobre, verso il dipartimento di prevenzione dell’ASL, per le necessarie e successive azioni di sorveglianza sanitaria.


Tutto ciò ha comportato qualche ritardo nelle comunicazioni, ma nessuno smarrimento, né perdita di referti o di campioni.

Questa Azienda, e, in particolare il personale del Servizio Epidemiologia, con costante abnegazione, continua a garantire l’effettuazione dei tamponi, il tracciamento dei contatti dei positivi, l’assistenza ai pazienti a domicilio da parte dei sanitari dell’USCA. Per questo, ad oggi, la nostra provincia, nella gestione e nel contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, risulta tra le più virtuose d’Italia.

Per concludere, il Direttore Generale dell’Asl, Gennaro Volpe, ribadisce la sua massima attenzione al territorio e la costante disponibilità al confronto e al dialogo con i sindaci della provincia, per affrontare nella maniera più efficace e collaborativa questo momento di grave allerta sanitaria e sociale".