Costanzo-Giordano, carteggio su Città Spettacolo: idee 'coincidenti'

- Cultura Spettacolo IlVaglio.it
Renato Giordano, direttore artistico di Città Spettacolo
Renato Giordano, direttore artistico di Città Spettacolo

Estate, torna a materializzarsi Città Spettacolo: il festival fondato da Ugo Gregoretti oggi ed diretto da Renato Giordano è al centro del breve 'carteggio' fra Maurizio Costanzo (già fra i predecessori di Giordano nel ruolo) e propio l'attuale direttore artistico. Che ha inteso rispondere, a mezzo stampa, ad una sollecitazione di Costanzo su Libero quotidiano. Dove il conduttore/giornalista poneva, al sindaco Mastela, la seguente domanda: "Perché non tornare a far vivere di teatro strade e piazze della città da lei amministrata?".

Al quesito ha appunto dato risposta Renato Giordano, con una nota diffusa alla stampa nella quale si legge: "Gentile Dottor Costanzo, Mi verrebbe di chiamarLa Maurizio vista la sua grande popolarità. La vedo da sempre in televisione, per me Lei è come un parente, ma la scrittura mi obbliga ad una distanza Le assicuro, solo formale. Sono felice ed orgoglioso che la mia idea di Città Spettacolo, che ho il piacere di dirigere da 4 anni, rispecchi la Sua. Le comunico infatti che da quando ho iniziato a lavorare per il Festival, dopo averlo trovato mio malgrado destinato ad un pubblico sempre più numericamente scarso e sempre più chiuso nei Teatri che man mano per una gestione non attenta sono stati resi inagibili, il mio unico scopo è stato quello di riportare, come ho fatto, spettacoli di diversa natura, dal Teatro alla Musica, alla Letteratura, alla Poesia, tutto rigorosamente nelle Piazze, restituendo il Festival alla Città e ai Cittadini, eliminando il più possibile Spettacoli e Prime Teatrali di dubbia rilevanza nazionale che negli ultimi decenni hanno ridotto la kermesse a mera rappresentazione autoreferenziale con, ovviamente, scarsissima affluenza di pubblico. La aspetto con grande piacere nella nostra Città storicamente ospitale così potrà vedere Lei stesso le piazze stracolme di gente, i teatri che con grande fatica stanno tornando agibili e salutare i cittadini di Benevento che tanto l’hanno amata. La saluto con stima e grande affetto".