Delli Veneri sui nuovi tagli alla scuola a Benevento: il piano del Comune non convince la Cgil

- Archivio

“Ancora una volta si sono convocati dirigenti scolastici e sindacati nell’ultimo giorno utile per deliberare, senza che nessuno avesse anticipazione della proposta definitiva dell’Assessorato, dovendo quindi discutere e decidere di una questione così importante ragionando su un foglietto con appunti e numeri distribuito al momento”. La proposta di dimensionamento della rete scolastica del Comune di Benevento, emersa nell’incontro citato, non ha trovato l’apprezzamento da parte di Vincenzo Delli Veneri della Flc Cgil. Una proposta, ha ribadito il sindacalista, “che non ci ha convinto” né nelle modalità, né per quanto presentato. Lo stesso Delli Veneri, nel dettaglio, ha spiegato che il piano prevede, in città, 7 Istituti comprensivi, “di cui 3 già realizzati (Lucarelli, Moscati e Torre) e gli altri 4 da ottenere ‘cambiando la denominazione’ di tre Circoli Didattici (1°, 3°, 6°) e di una Scuola Media (Pascoli), e sopprimendo il 2° Circolo Didattico”.

“Un ulteriore taglio della scuola – ha proseguito il sindacalista - realizzato con un’operazione numerica che nulla ha a che fare con quanto la FLC ha chiesto nell’incontro preliminare tenutosi l’11 ottobre. In quell’occasione ricordammo ai presenti che le scuole di Benevento avevano un numero di alunni che al momento non destava alcuna preoccupazione rispetto alle linee guida emanate dalla Regione Campania che confermava in 500 alunni il limite minimo per garantire un’autonoma direzione”.

Poi Delli Veneri ha analizzato quanto, a suo giudizio, bisognava fare. “Andava certo affrontato un ragionamento che riqualificasse tutti gli Istituti utilizzando al meglio le strutture esistenti (non esistono risorse per nuove scuole!), guardando ad un futuro in cui territorialmente, secondo la demografia di ogni quartiere, si potesse disegnare gli Istituti comprensivi pronti ad accogliere il bimbo di 3 anni nella scuola dell’infanzia, ad accompagnarlo, attraverso la scuola primaria, fino al conseguimento del diploma medio inferiore. L’obiettivo era di evitare gli spostamenti da un quartiere all’altro, che tanto traffico inutile oggi creano, realizzando una città più sostenibile anche dal punto di vista dei genitori non costretti a vivere tempi di ‘accompagnamento’ che complicano certamente l’organizzazione familiare.

Non vediamo nelle proposte: San Filippo+Pietà+Mazzini+Convitto, Pascoli+Ponticelli, San Modesto+Apollosa, Sant’Angelo a Sasso+Media Capodimonte, la realizzazione di questi obiettivi.

Peraltro la Conferenza delle regioni ha approvato un documento sulla base del quale il piano di dimensionamento va attuato gradualmente nell'arco del triennio 2012/2015. Inoltre il parametro dimensionale dei 1000 alunni non va conteggiato più per singolo istituto, ma come media regionale.

Inoltre non specificando in che misura il piano vada attuato anno per anno risulterebbe più concreta la possibilità di ottenere in loco il rinvio del piano all'anno prossimo, chiedendo la riduzione del parametro medio regionale dei 1000 alunni, la previsione di un ambito di oscillazione massima entro cui costituire gli istituti comprensivi e per chiedere che la Conferenza intervenga per definire delle linee guida nazionali al fine di stabilire, ad esempio, tempi e modi per il coinvolgimento delle parti sociali e delle scuole autonome nei processi di dimensionamento.

L'attuazione del piano su base triennale consentirebbe di riaprire la partita del dimensionamento e di suscitare un grande dibattito nelle scuole coinvolgendole in questo processo che le riguarda da vicino, con la speranza che in tre anni possano succedere e cambiare tante cose”.

“Il piano proposto, infine, non prevede – ha concluso - alcun investimento né per adeguare il patrimonio edilizio scolastico né per la formazione del personale chiamato a cimentarsi con i curricoli verticali tipici degli istituti comprensivi. Non dimentichiamo che la scuola dell’autonomia da oltre 10 anni non riceve neanche un euro per investire in attrezzature informatiche e strumenti di supporto alla didattica”.