Rprende a Benevento il Festival d’Autunno del Conservatorio

- Cultura Spettacolo - Gli appuntamenti - Comunicato stampa

Scrive il Conservatorio di Musica di Benevento “Nicola Sala”: Domenica 10 ottobre al Teatro San Vittorino riprende il Festival d’Autunno 2021 con la consegna a sette studenti delle borse di studio donate dal Rotary club Benevento. A seguire il Concerto Sinfonie e Danze del ‘900 con l’ orchestra d’Archi del Conservatorio e le coreografie di Saveria Cotroneo con i ballerini dell’ Accademia Nazionale di Danza.

La serata del Festival inizierà alle ore 19,00 con la consegna delle borse di studio donate dal Rotary club Benevento al Conservatorio ed assegnate a sette studenti delle classi di Corno, Fagotto, Oboe, Tromba e Viola. Ad assegnare le borse di studio saranno il presidente del Rotary Club Enza Casarella, il presidente del Conservatorio Antonio Verga ed il Direttore Giuosuè Grassia. Questi gli studenti premiati: Sangiuliano Domenico, Saldutti Alberto, Pesce Andrea, Zimbardi Simone, Mancino Mario, Paciolla Emanuele Pio, Colella Francesca.

A seguire ci sarà l’esibizione dell’orchestra d’ Archi del Conservatorio “Nicola Sala” diretta dal M° Domenico Virgili per il Festival d’Autunno 2021 con un concerto di Sinfonie e Danze del ‘900 con le coreografie della Scuola di Danza Classica di Saveria Cotroneo.; per l’occasione debutteranno due neo laureati all’Accademia Nazionale di Danza di Roma.

Un concerto particolarmente originale, in cui saranno proposte le Sinfonie più famose del secolo scorso connotata da ritmi e sonorità che conducono l’ascoltatore a contatto con la Natura, attraverso un intimo sentimento.

Il programma inizierà con la celebre “Capriol Suite” con un intreccio di danze tipiche diffuse in Europa in epoca rinascimentale e barocca. L’orchestra proseguirà con “Vocalise” di Rachmaninoff e la “Simple Symphony” di Britten. Seguiranno Il canto del cigno e Serenata di Bridge. Il Concerto terminerà con la dolcissima melodia dell’Intermezzo della Cavalleria rusticana, di Pietro Mascagni. La serata si concluderà con un testing di prodotti tipici enogastronomici a cura dei produttori del progetto Terramia.

“Il Conservatorio riprende le proprie attività a pieno regime – dichiarano all’unisono il presidente Vega e il Direttore Grassia – e con il Festival d’Autunno intendiamo offrire al pubblico un repertorio di grande qualità artistica che vede impegnati gli allievi del Conservatorio affiancati dai docenti di corso per contribuire in maniera significativa alla loro crescita formativa e professionale.”

Per le normative anti Covid19 l’accesso in Teatro agli spettatori è consentito solo con mascherina e green pass e con prenotazione da effettuarsi sul sito web www.conservatorio.bn.it fino ad esaurimento posti.