Premio internazionale Assteas, la conferenza stampa di presentazione

- Cultura Spettacolo - Gli appuntamenti - Comunicato stampa

Scrive l'associazione Culturale Xarte: Martedì 18 maggio dalle ore 11.00 presso il Museo Sannio-Caudino di Montesarchio, alla presenza del direttore dott. Antonio Salerno e del presidente dell’Ente Parco Naturale Regionale Taburno-Camposauro dott. Costantino Caturano, verrà presentata la V edizione del premio internazionale Assteas per ceramica ed arti plastiche.

Il presidente del premio Assteas, dott. Maurizio Caso Panza, rappresenta che ritorna l’arte internazionale di cui Assteas ne è espressione data anche la presenza in giuria della docente Katarzyna Krolikowska-Pataraia, docente di Conservazione dell’Accademia di Belle Arti e Restauro di Varsavia, con dottorato di ricerca presso l’Università di Scienza della Vita e che si occupa di ceramica dal 2009 essendo membro della Polish Ceramic Association. La direzione artistica del premio è assegnato all’arch. Emilio Bilotta di Ariano Irpino (AV), la direzione critica è assegnata alla dott.ssa Antonella Nigro, docente, storica e critica dell’arte di Agropoli (SA). Nella giuria unitamente a Katarzyna vi è Salvatore Oppido (NA), già docente, accademico ed artista, mentre quale presidente di giuria Gaetano Branca, della fornaci BrancaTerra di Carife (AV).

Il tema della manifestazione è “la natura e l’ambiente” in sinergia con il grande lavoro prodotto dall’Ente Parco del Taburno-Camposauro diretto del dott. Costantino Caturano a convogliare quella grande espressività che la natura prima che l’uomo pone al mondo dando esempio di grande impegno nella sua tutela e nella sua conoscenza.

Il premio Assteas, nel richiamare gli artisti a sviluppare opere in ceramica ed arti plastiche, vuole dare importanza al più famoso artista ceramista che la storia del nostro territorio ci tramanda Assteas appunto. Va ricordato che è proprio di Assteas il cratere “Ratto di Europa”, definito come "il vaso più bello del mondo e rinvenuto in Sant’Agata Dei Goti (BN) e con una peripezia, anch’essa da mitologia, ritornato nel suo territorio.