Cautano, lo scrittore Antonio Caserta presenta: ‘U Milanese

- Cultura Spettacolo - Comunicato stampa

Sarà presentato a Cautano, palazzo Caporaso, alle ore 18,00, il prossimo 27 aprile, ‘U Milanese, edizioni 2000diciassette, romanzo d’esordio di Antonio Caserta, scrittore sannita dalla tempra letteraria forte e decisa.

Lo scrittore - si legge nelle note di presentazione - racconta fatti, luoghi e personaggi di un paesino sito nel cuore del Sannio, alle falde del massiccio del Taburno. Un impeto malinconico, insieme ad dolce crudezza, accompagnano gli episodi sviscerati con sapienza, rigore, veridicità e sentimenti. Un bar fumoso, mani dure che lavorano, timidezze ruvide e affetti confermati con pacche sulle spalle. Una letteratura che ricorda da vicino Verga, Pirandello, Percoto e che è specchio di una moderna società, dove sono cambiati i modelli, le situazioni, le storie, ma non l’intensità potente della genuinità delle persone autentiche. Un lavoro antropologico, dove anche una stretta di mano ha una propria filosofia di vita, dove l’amore è passione e pulsione, dove tutti sono amici, nel momento del bisogno. Anche la problematica dell’inclusione sociale viene trattata con praticità e rispetto. Nel centro di accoglienza “Damasco 11” si può morire, al mattino, per un buondì”. E non ci sono sovrastrutture inutili, né filosofie retoriche; i problemi si risolvono al momento, con forza e sentimento.

Un lavoro fortemente caldeggiato dallo scrittore Cristiano Cavina che afferma nella prefazione: “Ho visto ‘U Milanese nascere. Letteralmente. Potrei dire il luogo e l’ora, non solo l’anno. Da quando era un’idea, poi un racconto in fasce, rispetto a quello che è ora: un magnifico romanzo d’esordio. Una cosa sola non è cambiata da quel giorno: la voglia di raccontare, la passione di dire che aveva dentro, in ogni sua pagina e il desiderio di Antonio - non lo chiamo autore perché altrimenti si ‘ingasa’, e lui che conosce la Romagna sa cosa intendo - il desiderio, dicevo, di portare questa storia sulle pagine, al lettore. È stato messo alla prova, ha scritto e riscritto, lavorando di grinta e anche in punta di fioretto. E alla fine, è riuscito a evocarla alla perfezione, da dentro di sé. Quando nasce da necessità, la passione di dire non c’è niente che possa fermarla, niente. E Antonio, e questa storia, ne hanno da vendere. E io sono fiero, molto fiero di loro".

Il lavoro dell’autore è stato pubblicato con la casa editrice 2000diciassette, che da circa tre anni opera sul territorio sannita per la promozione della lettura e della cultura sannita, nazionale ed internazionale. Si legge nella quarta di copertina, elaborata dalla Direttrice Editoriale Maria Pia Selvaggio: “Eviscerare, smontare, incasellare e interpretare il suo rigurgito di parole, la sua overdose di narrazione, quel filo sottile tra racconto e poesia, tra la devozione alla Terra natia e i ricordi di un Nord abbandonato per ritrovare se stesso. Un viaggio lungo come un pianto. Il ritorno. Il bar, la birra, gli amici di sempre, i giochi antichi, il cielo di Cacciano, con le stelle che brillano libere, la ferma volontà di tenersi alla larga dai conformismi. Pennellate sceniche dove non manca l’ironia, la malinconia, una vita di stenti, di speranze, di risate grasse, di valori autentici. Le spalle appoggiate ad un tronco, gli occhi socchiusi al cielo, le labbra bruciate da una sigaretta… Tra un rutto ed una lacrima”.

Alla presentazione interverranno: Giuseppe Fuggi, Sindaco del Comune di Cautano; Antonella Zampelli, Presidente ProLoco di Cautano; Antonio Caporaso, giornalista, Capo Redattore de Il Sannio Quotidiano; Teresa Morone, Blogger, editor, correttore di bozze; Maria Pia Selvaggio, Direttore Editoriale Edizioni 2000diciassette; Antonio Caserta, autore del romanzo. Dopo la presentazione la serata sarà allietata dal gruppo musicale Perrotta & Friends.