Il diabete nelle scuole, convegno a Calvi

- Scuole Università - Comunicato stampa

Dopo il convegno su “Legalità e rispetto delle regole”, i ragazzi del Plesso Scolastico di Calvi (BN) saranno i protagonisti di un altro importante convegno che si terrà venerdì 9 novembre, alle ore 11:30, dal titolo “Prevenzione, diagnosi e terapia del diabete nelle scuole”. Dopo i saluti del Sindaco di Calvi, Armando Rocco, e del dirigente scolastico, Anna Bosco, prenderanno la parola Annio Rossi, Presidente Associazione Diabetici Italia Meridionale, la cantante Isa J., il capitano della Nazionale Italiana di Amici, la nota trasmissione di Maria De Filippi, Davide Sachea Carella, l’esperta nutrizionista dell’Associazione Diabetici Italia Meridionale Angela Pugliese. Anche in questa occasione sarà dato spazio a testimonianze ed a interventi da parte dei ragazzi.

Il convegno - ricorda la nota diffusa alla stampa - rientra nell’iniziativa generale di “Un calcio al diabete sin dalle scuole”, volta alla prevenzione del diabete giovanile, che terminerà con il quadrangolare di calcio tra che si terrà lunedì 12 novembre 2018, alle ore 11, presso lo Stadio Ciro Vigorito di Benevento.

Molto interesse ha suscitato anche questo convegno, in cui verranno trattate le tre fasi: prevenzione, diagnosi e terapia del diabete nelle scuole. “E’ importante che le Istituzioni – ha dichiarato il Sindaco Rocco - siano sensibili a tale problematica che è in continua crescita. E’ importante intervenire correttamente affinché i bambini non si debbano sentire diversi, perché se aderiscono bene alla terapia, con un’attenzione educazionale adeguata, possono svolgere le stesse attività dei coetanei non diabetici. E’ importante partire dalle scuole, informandoli su tale problematica ed educandoli a convivere con tale malattia. È importante che tutti diano un calcio al diabete, come consapevolezza dei benefici che l’attività sportiva ed i comportamenti di vita virtuosi hanno nella gestione e prevenzione del diabete. Un importante convegno, dal grande significato sociale, sanitario ed educativo che vedrà coinvolti dei ragazzi del nostro Plesso Scolastico”.