Il roccioso Benevento è impenetrabile, sbrigata anche la difficile pratica Crotone: 2-0. La capolista sempre più in fuga

- Sport IlVaglio.it

Le prime due squadre in classifica del Campionato di Serie B hanno offerto un buon spettacolo oggi al 'Ciro Vigorito'. Il risultato finale di Benevento - Crotone è stato 2-0 per i giallorossi di mister Inzaghi, sempre più soli al comando della classifica, ma sarebbe potuto essere ben più corposo se la fase realizzativa di entrambe fosse stata all'altezza della costruzione del gioco (del Crotone) e della superba fase difensiva del Benevento. I sanniti sono andati in vantaggio grazie a un sacrosanto calcio di rigore conquistato e siglato da Viola (migliore in campo in assoluto) dopo una decina di minuti. Episodio che ha deciso lo svolgimento della gara, con i calabresi subito intenti a pareggiare e i campani sulla difensiva pronti a ripartire.

Gli ospiti nel primo tempo hanno avuto a lungo in mano le redini della gara, occupando soprattutto il loro lato destro d'attacco con pericolosi cross, con vari inserimenti dei loro centrocampisti bravi tecnicamente, ma senza mai essere particolarmente pericolosi, per una notevole imprecisione nel tiro.

Stessa dolente nota per il Benevento che, non solo nella prima frazione di gioco, ma in tutti i 90 minuti ha avuto molte e più chiare occasioni per raddoppiare, sbagliando l'ultimo passaggio o il tiro finale. Coda ancora una volta non è riuscito a segnare della nitide palle gol, anche procuratesi. Limite grave per un centravanti che però, e va detto, per tutta la gara si è impegnato allo spasimo, in ogni parte del campo, fornendo anche assist ai compagni. Che si sono aggiunti a lui nel novero dei gol mangiati, leggi Insigne e Armenteros. Improta invece, sebbene solo al 94°, in una delle tante ripartenze col Crotone sbilanciato in attacco, non ha perdonato e ha siglato il sospirato gol del 2-0.

Sembra proprio l'annata buona per i sanniti. Già decimato nei centrali difensivi a disposizione, prima della gara si è infortunato anche Tuia. Inzaghi ha dovuto adattare in extremis nel ruolo il giovane e poco utilizzato difensore esterno Gyamfi che ha sfoggiato una gara splendida: solo Viola merita qualcosa in più nel voto finale, anche perché ha fornito a Improta l'assist per il 2-0.

Per Gyamfi dunque una menzione a parte, date le circostanze, ma tutto il Benevento merita le lodi per la fase difensiva che, ricordiamo, comincia molto prima della propria area di rigore (dove comunque Montipò è stato ancora una volta assoluto protagonista con le sue splendide uscite).

Da notare ancora una volta la scialba prova di Insigne e Sau: è davvero un lusso farli giocare assieme (anche nel modulo ad albero di Natale scelto oggi dal tecnico giallorosso) stanti le loro attuali condizioni; con Tello e Improta al loro posto il Crotone ha morso di meno.

Sia come sia, il Benevento veleggia in testa la classifica e mal che vadano le altre odierne gare (se cioè vincerà il Cittadella) avrà almeno 5 punti di vantaggio sulla seconda, se non gli attuali 6 sul Pordenone. E' stato un buon inizio, per i giallorossi. Bisogna continuare così. Prossima gara sabato 30 novembre a Venezia.
*
Il Tabellino

Benevento: Montipo’, Maggio, Antei, Gyamfi, Letizia, Insigne (52’ Tello) Schiattarella (69’ Improta) Viola, Hetemaj, Sau (64'’ Armenteros), Coda. A disposizione: Manfredini, Gori, Del Pinto, Kragl, Basit, Di Serio, Vokic. Allenatore: Inzaghi.

Crotone: Cordaz, Golemic, Gigliotti, Spolli, Mazzotta (12’st Mustacchio), Crociata (12’st Vido), Molina (39’st Nalini), Barberis, Zanellato, Messias, Simy. A dieposizione: Figliuzzi, Festa, Curado, Cuomo, Bellodi, Gomelt, Rodio, Evan’s Allan, Rutten. Allenatore: Stroppa.

Arbitro: Fourneau di Roma 1.
Ammoniti: Giogliotti, Crociata, Montipo’, Tello, Coda.