Il Sannio antirazzista ha manifestato a Benevento contro il Governo, nonostante il tempo inclemente - Fotogallery

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

La pioggia di un’intera giornata, il freddo, l’umidità penetrante di questo 9 gennaio non sono bastati a scoraggiare la Benevento e il Sannio antirazzista e per l’accoglienza. Davvero tanta gente è intervenuta (Vai alla Fotogallery) al presidio organizzato da 24 sigle - associazioni, solidali, cattoliche e laiche, professionali, ricreative, ambientaliste, antifasciste, da forze politiche, sindacati, centri sociali, cooperative e da 9 tra sindaci e consiglieri comunali, unitesi sotto la sigla Coordinamento Sannio Antirazzista. Le stesse che ieri hanno lanciato un appello alla società civile sannita, per intervenire all‘appuntamento delle ore 18.30 e che si è protratto per un’ora.

In tanti sono alternati nel parlare, per manifestare “il pieno dissenso alle politiche disumane dell’attuale Governo Italiano”, come scritto nell’appello. Un discreto drappello delle forze dell’ordine è stato a presidiare il Palazzo del Governo, ma i pacifici manifestanti si sono assiepati dalla parte opposta, sia per poter ascoltare le parole degli oratori (che i megafoni hanno amplificato poco e male…), sia per proteggersi dal freddo inclemente.

Ai piedi del banchetto sono state sistemate le bandiere degli striscioni di parte delle sigle organizzatrici, qualcuna delle quali è diventata simbolo nazionale dell’Italia che accoglie e che non lascia profughi e naufraghi in mare. E che invece concretamente opera per un inserimento dei migranti in Italia in quanto risorsa (e non problema o capri espiatori). Soprattutto nel Sud sempre più spopolato nelle sue aree rurali, colpito dalla piaga dell’emigrazione giovanile e fiaccato dall’invecchiamento dei residenti.

A poche ore dalla conclusione, odierna, della vergognosa vicenda dei 49 migranti lasciati al largo delle cose maltesi per due settimane, vicenda che sta facendo litigare gli esponenti dei due partiti al potere a Roma, chiare sono state le parole espresse contro il Decreto Sicurezza appena approvato dal Governo Conte-Salvini-Di Maio che scarica “sulle fragili spalle del welfare municipale” i residenti che da mattina a sera sono stati fatti diventare irregolari.

Gli organizzatori si sono detti molto soddisfatti della risposta ricevuta stasera al loro appello della società civile beneventana, annunciando che la resistenza antirazzista a Benevento continuerà.