Ancora atti intimidatori nei confronti di Galdiero, segretario provinciale Cgil

- Cronaca IlVaglio.it

Scrive la Cgil della Campania: Continuano gli atti intimidatori nei confronti della compagna Rosita Galdiero, Segretaria generale della CGIL di Benevento, con appostamenti di automobili e persone e, in questi ultimi giorni, con lettera anonima minatoria depositata da ignoti direttamente nella cassetta postale della sua abitazione. Il gruppo dirigente della CGIL, sannita, campano, nazionale, è sempre vicino a Rosita e ribadisce la volontà dell’intera Organizzazione di non arretrare davanti a questi vili episodi. Riconfermiamo la nostra convinzione che l’emancipazione dei lavoratori e lo sviluppo della nostra terra passano anche attraverso la sconfitta della criminalità organizzata, recidendo il filo che la lega a non poche attività economiche, commerciali, lavorative, che, appunto, vanno bonificate.

Per il successo della legalità è necessario un isolamento totale di questa delinquenza e di parole nette ed esplicite di condanna senza tentennamenti da parte di tutti i soggetti politici, istituzionali e dei cosiddetti corpi intermedi, che accompagnino l’azione degli organi di sicurezza e di controllo del territorio, ai quali va la nostra fiducia per il loro operato, che ci auguriamo possa essere ancora più rigoroso rispetto alla recrudescenza di questi atti criminali e coerente con il livello da questi raggiunti.
***
Giovanni De Lorenzo, coordinatore del PD di Beneevnto, in merito ha comunicato: A nome mio e del Circolo Cittadino del Partito Democratico esprimo profonda solidarietà e vicinanza alla segretaria provinciale della CGIL di Benevento, Rosita Galdiero, vittima per l'ennesima volta di atti intimidatori. Tutte le forze democratiche ed istituzionali hanno il dovere di difendere e di proteggere chi si batte per i lavoratori, per il territorio, per la legalità. Spero, quindi, vivamente che possa esser fatta luce quanto prima sulla vicenda.