La pronta attenzione delle istituzioni alle denunce sul degrado a Benevento, se fatte dai politici

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

E’ quantomeno ipotizzabile che quelli brutti, sporchi e cattivi non siano individuabili solo nella villa comunale di Benevento? Si può ritenere che la ciurma da tenere sotto il controllo istituzionale alberghi pure altrove in città e non nel solo polmone verde del viale degli Atlantici? Ovviamente sì, è ben possibile. Eppure basta che qualche politica alzi un po’ la voce, con qualche eco mediatica, perché la macchina del rigore metta in moto le sue leve. E giù colloqui telefonici tra sindaco e questore della città con riunione operativa a ruota. E in conseguenza si annunci un'attività di controllo fra le panchine e i cigni, le giostrine e la ghiaia della Villa, ben più stringente rispetto a quella in precedenza posta in essere, “mediante un impiego coordinato dei poliziotti di quartiere, degli agenti della Squadra Mobile e degli agenti della Polizia Municipale”.

Una tenaglia implacabile, una sinergia che si annuncia efficace. La cittadinanza potrà dormire sonni ancor più tranquilli perché all’appello – ha ricordato ieri un puntuale comunicato di palazzo Mosti nel rispondere al ‘colorato’ allarmismo di periodo - non mancheranno neppure le prevedibili telecamere da installare “al fine di effettuare un costante monitoraggio della struttura”. La sicurezza innanzi tutto.

E se invece a lamentarsi fosse il cittadino comune? Chiedendo che la sinergia, la tenaglia in questione, fissasse tra i suoi obiettivi – ad esempio – i giardinetti Piccinato qualche centinaio di metri più su, sempre al viale degli Atlantici. Pure lì “dovrebbero” andare a distrarsi bambini e ritemprarsi accompagnatori adulti, pure lì esiste l’off-limits dettato da una maleducazione che, esprimendosi in variegate forme, dovrebbe essere almeno contenuta se non combattuta.

Ognuno potrebbe portare - sempre ad esempio - aree a verde cittadine e non solo oggetto di diffusi vandalismi (anche sociali) e meritevoli di rispetto come la Villa. Per tacere del centro storico e del superato livello di guardia (per dehors selvaggi, musica a palla, cicchetti a go-go e deiezioni varie) per richiedere sinergie e tenaglie e telecamere. In particolare, la movimendada buffer zone.

I cittadini che ne avranno voglia, dunque, segnalino - come da queste colonne e da tanta altre parti - questi e altri numerosi "sconci" per il decoroso vivere civile a benevento. Si moltiplicheranno, anche in questi casi, i comunicati stampa, le riunioni, i premurosi incroci tra sindaco e questore e i virtuosi interventi misti polizia/vigili urbani?