La frase fatta sull'evasione fiscale mai recuperata a Benevento è stata detta pure quest'anno

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Travolta dalla (piacevole) distrazione di massa targata Benevento calcio, è annegata nel silenzio la bella notizia dell'approvazione in Giunta comunale, a Benevento, del rendiconto di gestione per l'anno 2019 (leggi sul Vaglio.it). Attenzione, però: non interessa il contenuto tecnico, quanto la tradizionale asserzione dell'assessore al ramo di palazzo Mosti. Ma andiamo, e in modo breve, con ordine.

Partendo dall'aspetto principale (la voce più corposa), quella delle entrate tributarie, accertate per 45 milioni di cui “abbiamo riscosso 37 milioni quindi una percentuale dell'82%, percentuale che sale all’89% per l’Imu, ma si riduce al 62,8% per la Tassa rifiuti (leggermente migliorata rispetto allo scorso anno, e in linea con le percentuali di riscossione degli altri enti locali)” - un anno fa, commentando il conto consuntivo 2018, i due quotidiani a pagine locali citavano una Tari dove la “percentuale di riscossione si attesta appena al 61%” (leggi sul Vaglio.it). Non è il caso di formalizzarsi, comunque: i numeri, come ben sappiamo, hanno la caratteristica d'essere ballerini, ovvero adattabili a qualunque circostanza... soprattutto quando la fiducia la induce nel lettore una nota stampa pubblicata e non confrontata.

Ma ancora importa poco, perché è dal fatto alla ricetta che il passo è breve: “Riscuotere i tributi e scovare gli evasori secondo quanto le norme tributarie ci prescrivono rimarrà una priorità”.

Orbene: gli amanti delle ricerche sul web avranno di che sbizzarrirsi nel sovrapporre questa frase ad altre scoccate in occasione dei bilanci di previsione o rendiconti di gestione degli anni precedenti, però il Benevento è stato promosso ed almeno un piccolo aiuto va fornito (leggi sul Vaglio.it). Di qui il vero rammarico per il cono d'ombra in cui le dichiarazioni dell'assessora Maria Carmela Serluca sono piombate, appunto oscurate dalla marea montante giallorossA. Tali dichiarazioni di recupero dell’evasione fiscale, infatti, rafforzano la fede e realizzano il miracolo: uno, cioè, è portato a non credere e invece, come il sangue di San Gennaro che si scioglie, si ripetono anno dopo anno.