Beccati dopo un furto in appartamento: 2 russi arrestati

- Archivio

Si sono appostati nei pressi di un'auto parcheggiata in Via Nenni, nella zona alta di Benevento. Avevano nel mirino un'auto usata per alcuni furti commessi in abitazione. Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Benevento hanno aspettato che due persone si avvicinassero alla vettura. Poi le hanno bloccate: sono stati arrestati Tamaz Aptsiauri, 41 anni e Gheorghe Mironov, 22 anni, nati, rispettivamente, in Russia e Georgia. L'accusa è di furto aggravato. L'operazione della Polizia è stata portata a termine a seguito di alcuni mesi di indagine e dopo diversi colpi messi a segno a Benevento in alcune case, con l'utilizzo di chiavi adulterine utili anche per l'apertura di porte d'ingresso blindate. Così, il personale della squadra Mobile ha scoperto che gli autori, cittadini dell' Est europeo, utilizzavano, per spostarsi, un'auto Rover, risultata intestata a un uomo di Milano al qualwe, tra l'altro, risultano intestate numerose vetture. Al momento della perquisizione, i due arrestati sono stati trovati in possesso di arnesi atti allo scasso, tra cui un set completo di chiavette utili per forzare serrature blindate, oltre a numerosi oggetti in oro, tre orologi di metallo prezioso e un medaglia in oro sulla quale erano incisi un nome e un cognome. Dagli accertamenti effettuati, è emerso che il proprietario della medaglia fosse una persona residente in Via Nenni. Quest'ultima, rintracciata, si è accorta che, effettivamente, la sua abitazione era stata visitata dai ladri i quali, senza lasciare segni di forzatura sulla porta d'ingresso blindata, erano entrati nella camera da letto e avevano rubato il materiale poi ritrovato.. Dopo l'arresto, i due russi sono stati condotti presso il carcere di Benevento, mentre l'auto è stata sequestrata e il materiale rubato restituito al proprietario. Le indagini proseguono: si punta a verificare la posizione dei due stranieri in Italia e all'identificazione di altri complici. In particolare, uno di questi, che aveva la funzione di "palo" e si trovava lontano dall'auto in questione, sarebbe fuggito nelle campagne circostanti, dopo aver visto l'arresto delle altre due persone.